Possono dirsi giorni felici per i fan di Breaking Bad, perché finalmente, a poco più di un anno dall’ultima puntata del capolavoro targato AMC, potremo di nuovo fare un salto in quel di Albuquerque, dove abbiamo lasciato i nostri protagonisti, e questa volta gettarci a capofitto nelle vicende dell’avvocato migliore di tutto il New Mexico. Ovviamente stiamo parlando di Saul Goodman (Bob Odenkirk), protagonista dello spin-off Better Call Saul, la cui premiere è fissata per i giorni 8 e 9 febbraio 2015, dopodiché andrà in onda ogni lunedì per un totale di dieci puntate. Pur utilizzando le stesse ambientazioni, la serie ha tutt’altra storia rispetto a Breaking Bad; ciononostante dalle prime battute, i trailer, i piccoli spoiler sulla trama, e considerato che il lavoro è nelle mani di Vince Gilligan – lo stesso che mosse i fili delle vite di Heisenberg e Pinkman – si lascia ben immaginare che sarà un prodotto di qualità.

saulgoodman__130409172658__130726211708-275x213La trama si incentra sulla storia di Jimmy McGill, un avvocato di medio rilievo, lo stesso che sei anni più tardi troverà l’occasione della sua vita in Walt, di gran lunga il suo cliente più importante. Ad affiancarlo, nel bene e nel male, vi sarà anche un ringiovanito Mike Ehrmantraut (Jonathan Banks), anche se il buon segugio, o assassino a sangue freddo – chiamatelo, insomma, come vi pare – sarà forse l’unico ad essere preso in prestito dal vecchio cast. Oltre a Mike, pare non vi sia la possibilità di rivedere in azione nessun personaggio di Breaking Bad, sebbene i rumors indugino su una possibile comparsa di Bryan Cranston in alcuni flashforward.

L’impressione è che per soddisfare le richieste del grande pubblico di rivedere sul piccolo schermo i vecchi beniamini della serie madre, la trama potrà subire degli stravolgimenti di fondo, magari in occasione della seconda stagione, che è stata programmata per i primi mesi del 2016. Better Call Saul non sarà una serie divertente, anzi: la storia lo toccherà molto sul personale, tanto da essersi resa necessaria l’aggiunta del personaggio di suo fratello Chuck, interpretato da Michael McKean, e si delineerà più come un drama che come una comedy. Infine, è bene avvisare la platea di cominciare ad affezionarsi alla lingua originale, perché, dopo la prematura morte di Gaetano Varcasia – doppiatore tra l’altro anche di Tyrion Lannister, James Potter, nonché di diversi personaggi di Spike Lee – Saul Goodman dovrà trovarsi un’altra voce in Italia.

Intanto, riproponiamo in ordine cronologico tutti i trailer rilasciati da AMC a partire da agosto scorso:

Ed ecco la futura sigla:

“Saul, Saul, you better call Saul / He’ll fight for your rights, when your back’s to the wall / He’ll stick it to the man, justice for all.”

http://youtu.be/-g1IGSM3Hgs

Nicola Puca

CONDIVIDI
Articolo precedenteComunicato Stampa Forum Giovani Ercolano
Articolo successivoIl Non-Voto vince le regionali
Studio Ingegneria Aerospaziale alla Seconda Università degli Studi di Napoli. Sostengo la politica giovanile e comunale insieme agli amici di Agorà-Lavoro, Partecipazione e Libertà; scrivo per passione, per la necessità di leggermi e di imparare dai miei errori. Sono un alfista senza un'Alfa, un seriofilo senza DVD, un Jedi senza una spada laser.