regionali emilia e calabria

Manca ancora l’ufficialità per proclamare governatori Stefano Bonaccini e Mario Oliviero, ma i dati ormai sono più che chiari. Il centrosinistra, guidato dal Partito Democratico, vince in Emilia-Romagna e Calabria, strappando la quarta regione al centrodestra. Tuttavia anche nel PD non si festeggia in modo convinto: l’affluenza ha toccato record negativi ed è obbligatoria, ora, una riflessione su quanto sta succedendo in Italia.

Renzi twitta nel cuore della notte la sua gioia, ma con un ovvio riferimento all’affluenza, un dato veramente allarmante. Infatti è l’astensionismo il vero vincitore di questa tornata elettorale. In Emilia-Romagna hanno votato meno del 38%, un crollo repentino rispetto al 68% segnato alle ultime regionali e al 70% registrato per le europee. Meglio in Calabria, dove vota il 44%, comunque in calo rispetto al 58% delle ultime regionali ma in linea con il 46% delle europee. In entrambe le regioni i pronostici vengono largamente rispettati, con il PD che vince, una Lega che vola e Forza Italia e Grillo fortemente in affanno. La Lega in Emilia, infatti, ha addirittura doppiato il partito di Berlusconi, racimolando il 20% dei consensi contro l’8% di cittadini che ha votato Forza Italia. Grillo resta sotto il 15% in Emilia, ma peggio ancora fa Cono Cantelmi che a stento raggiunge il 4% e che non entrerà in consiglio regionale. In Calabria il centrodestra, che si è presentato diviso, ha raccolto il 23% con FI e FdI che appoggiavano Wanda Ferro, e il 9% con Nico D’Ascola appoggiato da NCD e UDC. Nella notte si susseguono le analisi dei leader, soprattutto di Lega e PD, felici del risultato. All’analisi di Renzi risponde Matteo Salvini, secondo cui il crollo dell’affluenza è uno “schiaffo al governo“.

La linea mediatica di Salvini, quindi, si sta rivelando vincente a danno soprattutto di Forza Italia e MoVimento 5 Stelle. Emblematico, infatti, il confronto tra il Carroccio e il MoVimento 5 Stelle, che proprio in Emilia aveva trovato le prime affermazioni. La Lega Nord raggiunge il 19.42% dei consensi, un netto aumento rispetto al 13% del 2010, il 4% su base nazionale delle politiche e del 6% delle europee. Il MoVimento, invece, doppia il consenso raggiunto nel 2010 (13% contro il 7% del 2010) ma valuta un pesante tonfo rispetto al 25% delle politiche e al 21% delle europee (su base nazionale).

Dalla minoranza del Partito Democratico arrivano i primi segnali di preoccupazione per i dati dell’affluenza. Pippo Civati scrive dal suo blog “Da domani forse sarà più chiaro che la governabilità come unica stella – senza rappresentanza – è non solo un problema, ma un vero e proprio pericolo. La sera delle elezioni sapremo chi ha vinto, forse. Ma sapremo anche che avrà perso la democrazia, se andiamo avanti così“.

Francesco Di Matteo

CONDIVIDI

La redazione di Libero Pensiero News è composta da una settantina di collaboratori giovani, talentuosi, belli e intelligenti. Come si fa a non amarli?