Come purtroppo sappiamo l’Africa, da qualsiasi lato la vogliamo vedere, sta attraversando nuove difficoltà, che le impediscono di prendere quella strada che gli permetterebbe di emanciparsi e di uscire da quello stadio di povertà che la relega sempre a un ruolo “minore” nel mondo, nonostante in questa regione si trovino risorse naturali e umane dalla ricchezza potenzialmente infinita.

La Nigeria, con le sue turbolenze politiche e sociali, è recentemente balzata agli onori delle cronache su Libero Pensiero per alcuni fatti che hanno portato a diversi morti, ed oggi Al-Jazeera ci riporta un altro evento tragico: nel nord-est del paese, che, come sappiamo, è una delle aree più turbolente del paese, si sono registrate due esplosioni nel mercato di Maiduguri, capitale dello stato di Borno, provocando più di 60 vittime; il bilancio non è però definitivo, siccome gli ospedali sono invasi da persone ferite.

Il reporter Rawya Rageh di Al-Jazeera, da Abuja, ha riportato che “dopo la prima esplosione, con le persone in fuga, una seconda è avvenuta poco dopo” e che, secondo quanto dicono numerose persone “la seconda esplosione è stata provocata da una donna kamikaze“.
Come è ovvio, l’esercito e la polizia hanno circondato l’area per impedire a chiunque di entrare, salvo gli operatori addetti al recupero dei feriti, mentre, per ora, le autorità nigeriane non hanno rilasciato alcuna dichiarazione: i sospetti sono rivolti al gruppo armato di Boko Haram.

Il nord-est della Nigeria, sopratutto Maiduguri, non è nuovo a questi atti estremi e la zona, da ormai alcuni anni, è sotto continuo bersaglio di attacchi, rapine, rapimenti di persone e attentati, con un paese che fa fatica a combattere questo fenomeno, nonostante la dichiarazione dello stato di emergenza proprio a Borno, che, oltre ad essere afflitta dalla violenza, si ritrova ad essere la sede del gruppo armato Boko Haram.

L’obiettivo di Boko Haram? Creare nel nord-est della Nigeria un nuovo stato, a ispirazione islamica, il quale possiamo dire che è quasi realtà, in quanto il gruppo terroristico ha ormai preso il controllo di alcune città con la paura e provoca sempre più l’indebolimento del potere del governo nigeriano sulla regione.

Al-Jazeera ha sviluppato una mappa interattiva che fornisce, in maniera semplice, la situazione in Nigeria evidenziando anche i diverai atti che il gruppo di Boko Haram ha compiuto nel paese: vi invitiamo a consultarla cliccando questo link per approfondire.

Fabio Scala