Nella giornata di ieri si è realizzata un’alleanza tra due veri e propri colossi del mondo del Turismo: Ryanair e Booking.com. Moltissimi italiani sicuramente conoscono e hanno viaggiato con l’unica compagnia europea ultra low-cost, dato che nel nostro Paese essa è prima per passeggeri trasportati, anche più di Alitalia.

Negli ultimi 12 mesi l’aerolinea di Micheal O’Leary ha lanciato una nuova politica di cambiamento denominata ‘Always Getting Better’, in cui l’unico fattore invariato è rimasto quello delle tariffe più basse, che di fatto è il motivo dell’enorme successo avuto negli ultimi 15 anni. Sono state messe da parte le multe salatissime per i bagagli fuori dimensione, il difficoltoso sito web è stato reso più chiaro (dopo le lamentele di molti utenti riguardanti soprattutto le clausole nascoste in fase di prenotazione che saltavano fuori al momento del pagamento) e lo stesso boss O’Leary ha accantonato le uscite fuori luogo che negli anni addietro lo avevano reso un vero e proprio fenomeno mediatico in senso più negativo che positivo.

Negli scorsi 12-18 mesi la rotta si è invertita: investimenti e miglioramenti l’hanno fatta da padrona. Dopo la creazione dell’app per smartphone che dà la possibilità di presentarsi al check-in senza fogli di carta; dopo la possibilità concessa di portare gratuitamente un secondo bagaglio in cabina oltre a quello a mano; e dopo aver proposto ai clienti soluzioni molto vantaggiose per i viaggi di affari e in famiglia, ieri Micheal O’Leary ha largamente anticipato i botti di capodanno tramite il lancio della partnership con Booking.com, leader nel settore della prenotazione online di alberghi (e di pernottamento in generale) in tutto il Mondo.

Ai clienti che acquistano un volo Ryanair, sarà permesso anche prenotare soggiorni in hotel o strutture convenzionate con Booking al più basso prezzo sul mercato. Insomma, per chi vuole risparmiare su trasferimento e alloggio per le proprie vacanze, la combo R+B è quanto di più economico il mercato possa offrire. Le previsioni parlano di 89 milioni di passeggeri trasportati per tutto il 2014. Ma con ancora un mese e qualche giorno alla fine dell’anno, non è da escludere che la campagna ‘Always Getting Better’ possa portare la compagnia irlandese a sfondare il muro dei 90 milioni. D’altronde, quando si offrono soluzioni adatte per ogni tipo di viaggiatore – dai giovani che puntano al risparmio sempre e comunque, fino alle famiglie e gli uomini d’affari che da oggi hanno soluzioni su misura – il passo per dominare completamente il mercato europeo dei cieli è relativamente breve.

Edoardo Ciotola