“Con l’eccesso di accoglienza si alimenta il terrorismo”, così tuona il Ministro dell’Interno Angelino Alfano da Radio Anch’io e mette in guardia sui rischi di un’accoglienza esagerata e fuori controllo degli immigrati, convinto che questo trend crei negli italiani un sentimento xenofobo che li spinga verso la Lega. Immediata la reazione via Twitter del Presidente Maroni che chiarisce come la Lega non sia un partito di estrema destra, ma dalle idee chiare e concrete. Il Ministro dichiara, inoltre, che presto in Consiglio dei ministri proporrà una nuova legge sul terrorismo internazionale, per tentare di introdurre importanti misure di controllo che servano a disciplinare i casi di chi parte volontario per scenari di guerra e di chi, invece, intenda arruolarsi tra le fila terroristiche.

Alfano interviene, inoltre, sui rapporti interni al partito dichiarandosi a favore di un centrodestra che non voglia abolire l’euro, né uscire dall’Europa o da Schengen, ma che scelga la propria guida attraverso mezzi popolari, come le primarie, e non in maniera casuale o sulla base della scelta unilaterale di un solo individuo. Il programma del partito, secondo il Ministro, deve essere adeguatamente di centrodestra, così come di centrodestra sono gli obiettivi che si stanno realizzando: dall’abolizione dell’articolo 18, alla detassazione totale delle assunzioni, dalla lotta per la responsabilità civile dei magistrati a quella contro l’occupazione abusiva delle abitazioni.

Sulla prescrizione Alfano mostra una posizione del tutto garantista verso il cittadino, il quale deve essere messo al corrente in tempi brevi della sua posizione di innocenza o di colpevolezza. Certezza, che non può risentire dell’indolenza del magistrato o degli ingranaggi inefficienti della giustizia.

Sui matrimoni omosessuali il Ministro dell’Interno assume un atteggiamento difensivo: “Ho tantissimi amici gay e non ho pregiudizi. Ma la legge italiana non prevede matrimoni tra gay ed io la faccio rispettare”. Ovviamente nel caso in cui il Parlamento si mostrasse, in futuro, aperto all’approvazione di una legge che consenta i matrimoni omosessuali, ne farebbe rispettare gli estremi.

Fonte immagine in evidenza: www.papersera.com

Raffaella De Felice