NAPOLI – Lo striscione della discordia. Con questa frase si può definire lo striscione di propaganda appeso dagli studenti e le studentesse di LINK fuori l’Università L’Orientale di Napoli.

Durissimo il commento dell’Unione degli Universitari di Napoli: ”Non si espone uno striscione di propaganda il giorno delle urne. Credo che chi decide di candidarsi ad elezioni democratiche debba quantomeno prendersi la briga di rispettare i regolamenti ma soprattutto le leggi del nostro paese.
Fare incursione fuori dei seggi alle 7 di mattina in pieno silenzio elettorale per racimolare gli ultimi voti è penoso e vergognoso e va contro ogni sano principio della democrazia e della competizione elettorale. Un ‘mezzuccio’ di bassa lega che non ci saremmo aspettati nemmeno dalle associazioni neofasciste di estrema destra .
E così dopo il bando di indizione delle elezioni, già di per se disastroso, per i tempi con cui è stato emanato, e sul quale già dura critica abbiamo mosso nelle scorse settimane, siamo di nuovo messi davanti ad un attacco vero e proprio alle più basilari regole della democrazia”.

Non si fa attendere la replica di LINK che attraverso un comunicato spiega i motivi dall’azione: ”Come Link Orientale abbiamo affisso uno striscione all’ingresso di Palazzo Giusso per incentivare gli studenti al voto. Le percentuali di astensionismo, infatti, sono sempre troppo elevate e noi riteniamo che questo fenomeno vada combattuto. Il diritto al voto non solo va esercitato, ma è fondamentale per la partecipazione degli studenti alla vita universitaria. Le attività che abbiamo messo in campo negli ultimi mesi, come negli ultimi anni, sono emblematiche del fatto che ciò che ci interessa in quanto studenti, prima ancora che rappresentanti, è l’attiva partecipazione di tutti a mantenere viva la nostra università. A qualsiasi critica strumentale e a fini propagandistici rispondiamo con l’impegno attivo e quotidiano nel miglioramento dell’Orientale”.

Pasquale De Laurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteFederer l’Immortale
Articolo successivoFranceschini: cultura e turismo vera vocazione dell’UE
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II