NAPOLI – Anche il Liceo Artistico di via SS.Apostoli si aggiunge alle altre scuole in stato di agitazione.
Gli studenti infatti hanno occupato denunciando gravi carenze strutturali come spiega una studentessa: ”Nel cortile dell’istituto vi è un albero pericolante che con l’autunno può abbattersi da un momento all’altro mettendo a rischio l’incolumità degli studenti.
Al VI piano – prosegue la studentessa abbiamo delle finestre senza vetro, mentre al V piano si è nuovamente rialzata la pavimentazione”.

Poi l’attacco:”La scuola non ci tutela affatto e con questa occcupazione intendiamo creare anche coesione con gli altri istituti in mobilitazione”.

Intanto dall’incontro di ieri in regione con tutti i presidi delle scuole di Napoli, promosso da Angela Cortese, coordinatrice regionale commissione scuola emerge la linea dura. ”La mia provocazione del ‘bocciamoli tutti’ – dice la Cortese era riferita al fatto che la scuola è il luogo dove si educa. Se c’è emergenza educativa, la scuola deve dare delle risposte con i suoi strumenti: per questo motivo, preferisco parlare di bocciature e di promozioni che sono i termini che appartengono alla scuola e non di pugni di ferro. Le scuole – prosegue la Cortese sono meglio attrezzate rispetto al passato perchè c’è stato un programma nazionale per dotarle delle Lim e dei computer portatili. Ora noi non dovremmo fornire le scuole per il pericolo che queste vengano rapinate? Ci dovrebbe essere un’attenzione da parte di tutte le componenti della scuola, studenti compresi, rispetto alla salvaguardia di quel bene che è della comunità”.

Anche le scuole di Napoli est sono da alcuni giorni in stato di agitazione: ”Siamo in occupazione da ieri mattina. Abbiamo promosso una mobilitazione generale in tutti gli istituti per contrastare “La Buona Scuola” di Renzi, ma pure per il nostro futuro e per tutelare il lavoro di professori precari e personale ATA”. L’ITI Marie Curie – che aderisce al Coordinamento Studentesco di Napoli Est – ha accettato la sfida. Siamo i futuri operai. Abbiamo capito che il futuro lo stanno cancellando e per questo lottiamo.Poco dopo l’occupazione è arrivata la polizia, che ha cominciato a fare assurde minacce a noi studenti. Ad un certo punto gli agenti hanno formato un cordone contro i ragazzi e ne è nato un tafferuglio con spintoni. Un agente di polizia mi ha schiaffeggiato. Come fosse uno sceriffo ha iniziato a minacciare tutti e mi ha detto che mi avrebbe arrestato. Condanniamo fermamente questo atteggiamento. Non è concepibile che i poliziotti aggrediscano gli studenti inermi per le occupazioni. Anche al Rosario Livatino di San Giovanni una ragazza è stata aggredita fisicamente da un agente di polizia. Non ci fermeremo. Arriveremo fino allo sciopero generale per cacciare il governo Renzi. E’ solo l’inizio.

Pasquale De Laurentis

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLibia, generale Haftar pronto per liberare Tripoli
Articolo successivoComunicato Stampa Scotto (SEL)
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II