L’Ispettore Generale, la celebre opera teatrale del drammaturgo russo Nikolaj Vasil’evič Gogol’, sarà in scena al Teatro Bellini di Napoli unicamente dal 3 al 7 Dicembre 2014 presentato dal Teatro Stabile Veneto e Umbro Carlo Goldoni.

A dirigere lo spettacolo Damiano Michieletto, che ne ha anche curato l’adattamento drammaturgico. Egli rende ironici e compromettenti tutti gli elementi all’insegna della comicità e del grottesco.

La satira messa in scena è in realtà ciò che emerge dal testo di Gogol’, quella società in cui Non ci sono regole, non ci sono leggi, la violenza è dietro l’angolo, mascherata spesso da bonarietà.

L’opera è fortemente didascalica e mira, attraverso la denuncia sociale e lo scetticismo, a mettere in scena la fugacità della vita e l’importanza dei valori odierni che spesso vengono tralasciati.

“Guarda queste banconote, sono tutte sporche!”

unnamed (2)

La trama dell’opera incentra una realtà meschina: una cittadina della sterminata campagna russa in cui regna la virilità, l’aspirazione al lusso, il divertimento facile.

La vicenda si basa su un equivoco. Si preannuncia la notizia del presunto arrivo di un ispettore generale da San Pietroburgo, mandato come revisore, e tutti, impauriti, iniziano a pensare a come poter fare per corromperlo in suo arrivo.

Il caso vuole che, ad essere scambiato per l’ispettore in borghese è un giovinastro squattrinato che non esiterà ad approfittare dell’occasione per trarre dei benefici, da vero imbroglione. Derisione e mascalzonaggine, imbroglio e nessuna buona fede, neppure in casa del sindaco dove il finto ispettore è ospite e si diverte con la moglie e la figlia

I personaggi infatti vengono spesso descritti attraverso i loro odori: puzzano di cavolo, di tabacco, e di vodka… E’ una storia che puzza di alcool e di gente ubriaca. L’alcool diventa quasi un concetto che perdura nei cinque atti: usato per calmare la paura, per comunicare la propria virilità, per festeggiare e far baldoria, per annegare la propria depressione.

E nel finale?

Nel finale, arriva il vero inviato del governo centrale.

Prezzi ed info al sito http://www.teatrobellini.it/spettacoli/29/lispettore-generale-

Sabrina Mautone

CONDIVIDI
Articolo precedentePodemos: idea per un Governo Progressista
Articolo successivoI System of a Down tornano per scrivere la storia

Sabrina Mautone nasce a Napoli il 18 Maggio 1996. Laureata in Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II e laureanda presso l’Università Statale di Milano in Lingue moderne per la comunicazione e cooperazione internazionale. Amante della scrittura, letteratura e fotografia. Vince il premio Librandosi da giovanissima.