ACERRA – ”Avevano provato a scassinare le serrature delle aule per entrare già ad inizio settimana, senza tuttavia riuscirci”. Questo il commento di una studentessa dell’Istituto superiore De Liguori di Acerra, derubato nella notte tra venerdi e sabato scorso.

Secondo il racconto si tratterebbe di un vero e proprio colpo studiato nei minimi dettagli, dove i malviventi hanno appreso la strada per entrare accedendo dall’auditorium: ‘Ci hanno portati via 20 computer rompendo tutte le porte delle classi ”- prosegue la studentessa, ”Siamo colpiti per il senso di apparteneza che ci lega alla scuola, veniamo privati di strumenti necessari per il nostro progresso” – conclude.

Sull’argomento prende la parola anche Alessandro Fatigati del Cantiere della Sinistra Acerra:”Il furto subito segna l’ennesima ferita al cuore di una periferia già martoriata. Rubare materiale scolastico è un atto di vigliaccheria non solo per il valore intrinseco del gesto, ma anche per la metafora sottesa che parla di un diritto negato nella maniera più meschina. E forse anche qui è implicita una guerra fra poveri, il seppellimento tossico che finge non esista futuro, negando futuro ai figli della propria terra.
Un atto incommentabile, che ha l’unico merito involontario di riportare alla mente le ragioni per le quali nelle mobilitazioni studentesche degli ultimi anni abbiamo chiesto che proprio lo Stato non si rendesse colpevole dell’attacco spietato alla scuola e all’università pubblica di cui siamo invece stati vittime: miliardi di tagli lineari, la dignità dell’insegnamento violata, il sapere ridotto a merce. Singolare e atroce che in tempi di crisi, tanto i governi dell’austerity quanto la criminalità scelgano di attaccare i beni comuni nel loro punto più fragile, prezioso e genuino – conclude Fatigati.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’agente Wilson di Ferguson si dimette
Articolo successivoIscrizioni aperte alla Partenope Running
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II