Secondo l’FBI era il capo operativo di Al Qaeda, accusato di aver programmato un attentato alla metropolitana di New York e per questo motivo inserito nella lista dei terroristi più ricercati d’America con una taglia di 5 milioni pendente sulla testa. L’esercito pakistano ha annunciato di averlo ucciso durante un raid nel nord-ovest del paese, al confine con l’Afghanistan.
Adnan El Shukrijumah, nato in Arabia Saudita, cittadino del Guyana e vissuto per molti anni negli Stati Uniti, è stato infatti ucciso all’alba in una zona – il sud Waziristan, attualmente teatro di conflitto tra le autorità pakistane e i talebani da metà giugno – durante dei bombardamenti ad opera dell’esercito di Islamabad. Secondo quanto riportato dalle autorità pakistane, insieme a El Shukrijumah sarebbero stati uccisi altri due terroristi e sarebbe rimasto coinvolto anche un soldato. Nella campagna militare, lanciata in seguito all’attacco dell’aeroporto di Karachi, sarebbero stati uccisi più di mille militanti di base. I dati sostenuti dalle fonti militari non sono però verificabili in modo indipendente, a causa al divieto di accesso in queste zone imposto dai militari. Ad annunciarlo è il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Chuck Hagel, che si trova in Afghanistan per una visita propedeutica al ritiro delle truppe che avverrà a fine mese.

Oltre all’imputazione più sicura, quella di aver reclutato e addestrato tre uomini nel 2008 al fine di compiere un attentato alla rete metropolitana Newyorkese, l’uomo ucciso era considerato il successore di Khalid Sheikh Mohamed, una delle menti dell’attentato dell’11 Settembre e dell’attentato alla metropolitana di Londra. Nell’organizzazione di Osama Bin Laden era il principale punto di riferimento per le operazioni globali della rete terroristica.

Prima di essere accusato dalla magistratura dell’Eastern District di New York City, che aveva emesso su di lui un mandato di cattura ancora vigente, di aver partecipato nel 2009 al complotto terroristico concepito in Pakistan, il quasi quarantenne El Shukrijumah aveva vissuto per molti anni a Miramar, in Florida.

Roberto Davide Saba

CONDIVIDI
Articolo precedenteSerie A, gli anticipi della 14° giornata
Articolo successivoFIA: basta minorenni in F1 dal 2016
Roberto nasce a Cagliari nel 1988, studia Giurisprudenza nell'università della sua città e con entusiasmo si butta nella sua prima esperienza come giornalista e vignettista per Libero Pensiero. Le sue passioni sono il disegno e la lettura. Tra i suoi interessi ci sono la politica, il diritto, l'arte e la cultura.