POZZUOLI – Questa mattina con un vero e proprio blitz gli studenti degli istituti superiori di Pozzuoli hanno deciso di occupare le proprie scuole come forma di dissenso contro il governo. Nella nota diffusa dal Coordinamento Studenti Flegrei si legge: NO AL COMMISSARIAMENTO! PER L’AFFIDAMENTO DEGLI SPAZI NATO A CHI REALMENTE LI NECESSITA ! PER UNA BONIFICA REALE E SOTTO CONTROLLO POPOLARE! No Sblocca-Italia, Jobs-Act, Buona Scuola ! UNITI SI VINCE !! (Clicca per leggere la nota diffusa dal Coordinamento Studenti Flegrei).

All‘istituto Falcone di Viale dell’Europa Unita, gli studenti hanno le idee chiare:”Abbiamo chiesto – afferma una studentessa – un laboratorio didattico autogestito. Il Preside si è mostrato fin da subito ostile ed ha rigettato la nostra proposta proponendo una cogestione. Con la criminalizzazione in atto ai danni dei collettivi e dei movimenti – prosegue la studentessa – volevamo una sua dichiarazione pubblica a sostegno degli studenti, ma lui si è rifiutato”.
Secondo il racconto degli studenti durante la fase preliminare dell’occupazione il Dirigente Scolastico, unitamente al custode e ad alcuni docenti avrebbe tentato invano di penetrare nell’istituto forzando e caricando gli stessi studenti occupanti.
I ragazzi denunciano anche presenza di amianto nella sede di Licola.
”Disponiamo di attrezzature all’avanguardia, ma purtroppo nella sede succursale dobbiamo denunciare, ancora una volta, la struttura fatiscente con aule insufficienti per tutti gli studenti che ci costringono ad una ruotare” – conclude la studentessa. 
Nei prossimi giorni possibile un dibattito pubblico sui temi sociali del territorio.

”Dobbiamo ridare voce e spazio al nostro futuro – dichiarano invece in coro gli studenti dell’istituto Pareto, anch’egli da questa mattina in occupazione.

Gli studenti dell’istituto Virgilio promettono:”La nostra è una protesta unitaria. Bisogna assolutamente sfatare il luogo comune dell’occupazione intesa come perdita di tempo. Presto organizzeremo un dibattito pubblico ed affronteremo l’argomento della ‘buona scuola di Renzi’.

Organizzazione perfetta anche all’istituto Tassinari: ”La mattina ci divideremo in corsi dove affronteremo lo Sblocca Italia, ‘la buona scuola di Renzi’ e il Jobs Act, mentre nel pomeriggio daremo libero sfogo alla creatività. Questo – conclude lo studente – per venire incontro alle esigenze di tutti”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteCancro e fumo: il perché è nei cromosomi
Articolo successivoLa progressione nell’allenamento

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II