Per la Roma questa volta è il momento della verità. Il brusco pareggio col Sassuolo, maturato sabato pomeriggio all’Olimpico, ha lasciato delle ferite che solo il passaggio del turno in Champions potrebbe lenire in fretta. Mercoledì sera contro i campioni della Premier: il Manchester City, i giallorossi avranno l’occasione giusta per riscattarsi, dimenticare i malumori e tornare finalmente tra le Big 16 del calcio europeo, scrivendo una pagina importante della storia recente del club capitolino.

MALUMORI POST SASSUOLO – Il pareggio col Sassuolo è un risultato che fa male. Non può assolutamente parlarsi di punto guadagnato ma piuttosto di occasione sprecata. Con una vittoria, la Roma avrebbe potuto avvicinarsi alla Juve e sopratutto affrontare il match di Champions con una marcia in più. Sabato, per la prima volta, diversi giocatori non sono stati convinti dalle scelte, siamo prima che durante la gara, di Rudi Garcia: Totti, escluso dall’11 titolare, è sembrato a fine partita una dei più delusi; il capitano voleva fortemente avvicinarsi alla Juve. Nello spogliatoio romanista si era anche deciso di non alimentare polemiche sui social circa il gol/non gol di Llajic che ha garantito il pareggio, poi Nainggolan ha rotto il silenzio, rispondendo ad un post al veleno del terzino del Sassuolo, ex Juve, Federico Peluso.

INVOLUZIONE DIFENSIVA – Insoddisfazione a parte, Garcia ha più di un motivo di preoccuparsi in vista del confronto decisivo con il Manchester City. Innanzitutto, rispetto alla passata stagione, il reparto arretrato è sensibilmente peggiorato. 6 gol subiti nelle ultime 2 partite, 11 totali subiti in campionato, contro gli appena 3 della scorsa stagione a questo punto di stagione. In Champions la situazione non migliora con 12 gol presi in 5 partite. Migliora invece il reparto offensivo: sono 27 i gol segnati in questa stagione, contro 26 della passata.

TORNA MAICON – Fortunatamente torna contro gli inglesi dal primo minuto Maicon; con il terzino brasiliano la Roma è tutt’altra squadra. Con lui in campo 8 vittorie e 1 sconfitta, senza 5 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte; 21 gol segnati con lui in campo, solo 14 senza.

RIVOLUZIONE GARCIA – Per raggiungere gli ottavi di Champions, il tecnico della Roma darà vita alla ventesima formazione diversa su altrettante partite: dentro Maicon e Astori (per Florenzi e uno tra Yanga-Mbiwa e Manolas), Keita e Nainggolan (per De Rossi e Strootman) e Totti e Gervinho (per Destro e Iturbe).

15 MLN DI EURO – Il passaggio del turno, oltre alla gratitudine dei tifosi, porterà nelle casse della Roma una cifra di circa 15 milioni di euro: 3,5 milioni di premio qualificazione dalla UEFA, 8-9 milioni dai diritti tv, 0,5-1 milione di premio partita (dipendente dal risultato) più la garanzia di un altro incasso record di 2,5-3 milioni per la gara degli ottavi di finale casalinga.

Fonte immagine in evidenza: sport.sky.it

Lorenzo Russo