NAPOLI –  Dopo la grande mobilitazione dello scorso 25 Ottobre a Roma, domani la Cgil, insieme alla Uil torna in piazza e proclama uno sciopero nazionale di 8 ore.
“La legge di stabilità costa alla Campania altri tagli per 400 milioni di euro nei trasporti e nella sanità, settori che rischiano un ulteriore smantellamento. Il governo si accanisce sempre più contro il Sud, usato solo per veloci passerelle mediatiche”. Con queste parole il segretario regionale della Cgil Campania, Franco Tavella presenta la manifestazione di domani che partirà alle 9.30 da piazza Mancini per concludersi a piazza Matteotti con il comizio conclusivo di Anna Rea, segretario generale della Uil Campania e Gianna Fracassi della segreteria nazionale Cgil.

Nella stessa giornata ci sarà un altro corteo che prevede ben due concentramenti, uno all’esterno della stazione centrale di piazza Garibaldi per gli studenti della provincia e l’altro a piazza del Gesù.
Nel mirino di studenti, disoccupati e lavoratori il piano scuola e il Jobs Act                                                                                                                                                        ”Non possiamo accettare che i privati entrino nelle nostre scuole – dichiara il coordinatore regionale dell’Unione degli Studenti Campania, Raffaele Guarino – che aumenti la dispersione scolastica nei nostri territori, che il merito diventi il valore fondamentale di una scuola chiusa e competitiva, che sfruttamento e precarietà diventino all’ordine del giorno per un’idea di legame con il territorio folle e sminuente, del ruolo della formazione e del sapere. Ogni giorno, nelle nostre scuole, continueremo a costruire una scuola diversa, aperta e democratica; nelle piazze e nelle città lanceremo, dal 12, una nuova stagione di mobilitazione studentesca”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’eredità perduta della “Prima Repubblica”
Articolo successivoSabato 13 dicembre: “Strit Food Festival”, a Napoli si celebra il cibo di strada
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II