QARABAG 0-0 INTER: L’Inter non va oltre il pareggio nell’ultima sfida della fase a gironi di Europa League. La squadra nerazzurra, già sicura del primato del girone, impatta 0-0 contro il modesto Qarabag. A Baku, Mancini opta per un ampio turnover e schiera una formazione molto rimaneggiata con gli inserimenti di Bonazzoli e Osvaldo avanti, Mbaye e Obi sulle fasce, M’Vila e Khrin, Donkor e Andreolli in difesa con Carrizo. Nel primo tempo unica occasione degna di nota è del Qarabag. Nella ripresa il copione non cambia, con l’Inter che fatica molto a creare gioco e va avanti solo a fiammate. Addirittura è il Qarabag a sfiorare il colpaccio all’ultimo minuto: Almeida tira, devia Donkor, Carrizo viene beffato e la palla finisce in rete. L’arbitro, però, annulla lasciando gli azeri fuori dalla competizione europea; con una vittoria il Qarabag si sarebbe qualificato.

COPENHAGEN 1-5 TORINO: Dopo vent’anni di assenza il Toro approda ai sedicesimi di una competizione europea e lo fa battendo per 5-1 il Copenhagen in Danimarca. Con due risultati su tre a disposizione per passare il turno, la squadra di Ventura dopo sei minuti si trova in svantaggio per un pasticcio difensivo di Glik. Il Copenaghen però si suicida e resta addirittura in nove, e allora per i granata diventa una passeggiata. In undici contro nove il secondo tempo diventa una passeggiata per i granata: doppietta di uno strepitoso Martinez, rigore perfetto di Amauri e una rete capolavoro a testa dei difensori Darmian e Gaston Silva.

FIORENTINA 1-2 DINAMO MINSK: Con la qualificazione e il primo posto già in tasca, la Fiorentina chiude con un innocuo ko il girone di Europa League, perdendo 1-2 in casa contro la Dinamo Minsk. Il match non aveva alcun significato per la classifica, ma il tecnico Montella non ci sta. Il tecnico campano concede ampio spazio al turnover per preservare ogni energia in vista del campionato. Si rivedono in campo Richards, Kurtic, Badelj e Lazzari; poco spazio per Cuadrado e Gomez. La formazione bielorussa è compatta, viva, anche ogni volta che la Fiorentina accenna una timida pressione, la difesa balla. Il vantaggio è firmato Kontsevoi, che al 39′ viene servito sul filo del fuorigioco e batte Tatarusanu con un bel destro al volo. Il bis, in contropiede, è di Nikolic. Nel finale accorcia Marin, unica nota interessante dell’intera serata.

Queste le 32 squadre qualificate per i sedicesimi di finale di Europa League: – Borussia Moenchenglabach – Villarreal – Bruges – Torino – Besiktas – Tottenham – Salisburgo – Celtic – Dinamo Mosca – Psv Einhoven – Inter – Dnipro – Feyenoord – Siviglia – Everton – Wolfsburg – Napoli – Young Boys – Dinamo Kiev – Aalborg – Fiorentina – Guingamp – Legia Varsavia – Trabzonspor. Dalla Champions League retrocedono in Europa League: – Olympiacos – Liverpool – Zenit S.Pietroburgo – Anderlecht – Roma – Ajax – Sporting Lisbona – Atletic Bilbao.

Lorenzo Russo