Il sud, soprattutto Napoli, si è sempre contraddistinto per la grande solidarietà verso chi, nel mondo, è meno fortunato. La nostra è una città dalla grande tradizione culturale, multietnica e di grande volontà di accoglienza. Abbiamo incontrato, nella nostra storia, molte culture e molte storie, provenienti dalle parti più disparate del mondo. Forse è per questo che nell’ottica solidaristica, un bar ha voluto avviare un’iniziativa in forte controtendenza rispetto a quello che sta accadendo in Italia a causa degli esponenti politici dei partiti della destra xenofoba: una colazione gratuita per extracomunitari e senzatetto in grosse difficoltà.

Ancora una volta Napoli si fa notare per la sua filantropia, adattando la solidarietà ai tempi che corrono. Qualcuno già storcerà il naso, visto il periodo cupo in cui è caduto il Paese intero, il quale perde tempo dietro alle populistiche proposte di Matteo Salvini della nuova Lega Nord, un po’ più razzista, un po’ meno nordista. L’offerta del Dolce caffè è limitata, però, a tutti i lunedì del mese di dicembre, dalle 7.30 alle 9.30 del mattino, è rivolta ai senzatetto e agli extracomunitari in difficoltà. Il bar si trova in Piazza degli Artisti, nella Municipalità del Vomero. A Napoli si sperimenta, così, la colazione sospesa, dopo la grande tradizione del caffè sospeso.

Luca Mullanu

CONDIVIDI
Articolo precedentePaura a Sydney, Trenta ostaggi in un bar del centro.
Articolo successivoMaledizione Ramsey: continua a mietere vittime

Lavoratore precario nel settore del turismo, appassionato di politica sin dalla nascita. Fondatore e ideatore di Libero Pensiero online, insieme ad Emanuele Tanzilli. Cuore a sinistra, contribuisce alla crescita della FGCI, di cui era anche Segretario Provinciale di Napoli. Attualmente senza casa politica, come tanti e tante di sinistra che non si riconoscono più in nessun soggetto organizzato. Un libero pensatore: scrive praticamente da sempre. Da ragazzo, come tantissimi altri, avvertiva il peso delle ingiustizie della società: voleva cambiare il mondo e ha cominciato ad impegnarsi durante i primi anni di Liceo. Ha sempre odiato le ingiustizie, tanto quanto i suoi compagni di viaggio. Non ama i dogmi, ma lo anima la voglia di discutere.