Ubicato nella piccola e molto spesso trascurata Regione del Molise si trova oggi, seppur in uno stato di indifferenza totale e alla mercé degli agenti atmosferici, un tesoro di inestimabile valore culturale che prende il nome di Sepino.

Il sito archeologico,pianta saepinum sorto nelle immediate vicinanze dell’incrocio tra il tratturo del Pescasseroli-Candela e il percorso che porta alle alture del Matese, dimostra fin da subito la sua spiccata funzione strategico-militare, in quanto nodo di diramazione nel territorio del  Sannio, nonché catalizzatore degli importanti flussi commerciali provenienti dalle montagne e diretti alle pianure, di cui i due assi viari ne erano il perno.

Le felici condizioni geografiche quindi permisero fin dagli anni di fondazione, intorno al IV a.C, lo sviluppo dell’area, e non è un caso che l’etimologia della parola Sepino molto probabilmente derivi dal lemma saepio cioè recinto, parola atta a identificare verosimilmente un’tervec04area soggetta a regolamentazione commerciale. Tale territorio anticamente era subordinato alla giurisdizione e alla sovranità del fortino sannitico di Terravecchia, situato a 950 metri di altitudine nell’entroterra; la struttura controllava efficacemente l’unica vitervec03a di accesso dalle pianure ai pascoli del Matese e le sue funzioni prettamente militari le si rintracciano oggi nell’imponente sistema difensivo ancora visibile; difatti Terravecchia poteva vantare una cinta muraria lunga circa 1500 metri a forma trapezoidale e costituita da una doppia cortina in terrapieno in opera poligonale e con un distacco di circa 3 metri tra quella superiore e quella inferiore.

Nonostante tali megalitiche forme di difesa il forte non poté nulla all’assedio portato in essere dai Romani nel 293 a.C., durante la terza guerra sannitica e, avvenuta la conquista, venne elaborato un piano di romanizzazione del Sannio e nel contempo di  abbattimento del deterrente militare, tutto ciò portò all’abbandono dell’insediamento di Terravecchia e alla maggiore urbanizzazione della piana del Sepino.

Lo sviluppo urbano ebbe una fortissima accelerazione tra il I e il II secolo a.C quando per ordine diretto di Augusto furono implementanti i sistemi difensivi, con la costruzione sotto la diretta supervisione di Tiberio di una grossa cinta muraria e contemporaneamente il risanamento e la conseguente restaurazione degli edifici di maggiore importanza dell’abitato, ovvero foro, macellum, basilica e terme. Sebbene tale opera urbanistica sia stata così incisiva, la città mantenne l’innaturale non ortogonalità tra i due assi maggiori, riflesso della necessità di mantenere  inalterato il percorso del tratturo, nerbo dell’economia dell’area e volano della sua crescita passata.
sepino11
SepinoAltiliaL’accesso alla città era assicurato principalmente grazie a quattro porte monumentali, di cui oggi la meglio conservata è porta Bovianum, un grosso arco onorario incassato tra due torri e il corpo di guardia retrostante, che presenta come peculiarità il volto di Ercole nella chiave di volta e la raffigurazione di due barbari in catene per incutere il dovuto timore a tutti i possibili disturbatori di Sepino e in ultimo una scritta in alto che ricorda lo sforzo, anche finanziario, di Druso e Tiberio per tale realizzazione.

view_5_A4001450
cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_381f33ea520bc425406df9e128922916Addentrandoci nella città veniamo rapiti dalla bellezza del complesso della basilica e del tribunale, il primo edificio ha pianta rettangolare e peristilio interno di venti colonne con capitelli in stile ionico, l’accesso è preceduto da un tribunal columnatum, luogo adibito all’espletamento delle funzioni dei magistrati locali; danneggiato gravemente dal terremoto che colpì il Sannio nel 346 d.C venne ristrutturato e nel V secolo adibito a culto cristiano con l’aggiunta dell’abside.

sepino10
sepino05Cuore di ogni città romana, il foro di età augustea annovera in sè la sua ascendenza sannitica, difatti la forma e la distribuzione sul terreno fanno presumere che tale spazio nella comunità sannitica fosse stato adibito a mercato e che solo in seguito con i lavori di riqualificazione, nella fattispecie il lastricamento del terreno con grossi blocchi di travertino, ha permesso l’instaurazione dei tipici spazi pubblici di età romana di cui la basilica, la curia e il comizio ne sono alcuni esempi.

cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_0becfb8a04eb165a286834c0f9b4c9e1Una importante menzione va fatta per il teatro, databile intorno al I secolo a.C, situato a ridosso della cinta muraria e con una apertura verso l’esterno che dava la possibilità di accesso anche dalle campagne. Dell’opera restano oggi visibili l’ima e la media cavea, adibiti rispettivamente ai più abbienti e ai più poveri, tutta l’orchestra, il blocco frontale del proscenio. La capienza totale era stimata in 3000 unità a sedere. Su di esso nel 1700 venne edificato un complesso coloniale che trova ancora oggi la sua visibilità.

Nelle epoche successive Sepino assiste ad un graduale abbandono, accelerato con la guerra greco-gotica e l’invasione longobarda, e ha un definitivo abbandono Intorno al IX secolo quando la città è  soggetta alle incursioni saracene nell’area; da questo momento la città morta viene ad essere rinominata in Altilia.

Oggi si sa per certo che la città si estendeva per 12 ettari, di cui solo un decimo è stato esplorato: la colpa di ciò non è certamente da rinvenire all’inerzia della Sopraintendenza o dei singoli operatori, ma alla solita cronica mancanza di fondi. Il fatto che fa notizia è la paradossale ignoranza del luogo, non un cartello stradale o indicazione di qualunque tipo conduce al sito nonostante la superstrada vi corra affianco; il parcheggio poi è appannaggio dei privati locali. Se si è fortunati o più semplicemente esperti del luogo arrivarci potrebbe essere “fattibile”, ma una volta lì si constaterà alla visita archeologica di essere quasi presumibilmente soli, uno spettacolo indecorosamente lunare: ciò è quasi sconvolgente se si pensa che l’oggetto in questione non è una mera colonna o un santuario, che hanno comunque la loro importanza,ma una intera città romana.  Addirittura non ci sono i soldi per tagliare l’erba che ricopre gran parte di quello scoperto, ma la follia tutta italiana sta nel fatto che le operazioni di scavo condotte in questi anni hanno portato alla luce significative scoperte, che sono state documentate e poi RICOPERTE!! Questo perché? Perché per amore della nostra storia e della cultura, gli archeologi hanno preferito e preferiscono ancora oggi vedere tutto coperto, ma al sicuro piuttosto che in bella vista e soggetto al degrado.

Dario Salvatore