23 dicembre 1984. Sono passati ormai trent’anni dalla strage di Natale, quando un ordigno esplosivo azionato a distanza sventrò le lamiere del Rapido 904, che percorreva la galleria di San Benedetto Val di Sambro, uccidendo 15 persone e ferendone, più o meno gravemente, altre 267.

Oggi, che ci avviciniamo all’appuntamento con la nostra coscienza, più che con la memoria, sentiamo forte il dovere di testimoniare e di farlo rinnovando non solo il nostro lutto, ma il nostro sdegno, la nostra rabbia verso un’Italia che non riesce a divincolarsi dai luridi artigli dei corrotti, dei criminali, dei violenti.

Lo facciamo rinnovando l’appuntamento presso la targa commemorativa posta sulla facciata del Municipio di Casoria, in piazza Cirillo. Ci incontreremo martedì 23 dicembre 2014, a partire dalle ore 17.00, per ricordare non solo quei nostri concittadini che trovarono la morte sul Rapido 904, ma in onore di tutte le vittime delle stragi impunite, spesso non adeguatamente tutelate da uno Stato che china il capo e si volta dall’altra parte.

Ma noi insistiamo a raccontare un’Italia che non si rassegna, che trova nei valori della pace, dell’antifascismo e della legalità i cardini esistenziali su cui poggiare il proprio futuro, il proprio destino. Vogliamo esserci, e non soltanto annunciarci, perché la nostra presenza sia l’emblema più iconico di una lotta che non si arresta, oggi come trent’anni fa, contro chi pretende di oscurare sotto una coltre di terrore il coraggio dell’onestà.

Saremo in piazza, con il supporto del Comune di Casoria, martedì 23 dicembre, accompagnati dai sindacati territoriali CGIL, CISL e UIL, dal presidio “Gerardo D’Arminio” di Libera Contro le Mafie, dall’ANPI Afragola-Casoria e dall’Unione degli Studenti Area Nord: insieme, uniti per mostrare il lato umano di una narrazione che da storica diviene via via più attuale e contingente, attraverso la voce di Don Tonino Palmese, referente del coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti.

Oltre al suo intervento, l’iniziativa prevede:
– una fiaccolata celebrativa;
– la lettura di un brano tratto dalla pièce teatrale “La Storia e la Memoria” di Daniele Biacchessi;
– la deposizione di una corona d’alloro presso il monumento commemorativo;
– un’esibizione musicale a cura dell’associazione “Goffredo Mameli” di Casandrino.

Invitiamo pertanto la cittadinanza, la stampa, le associazioni ed ogni altra realtà che si riconosca nel messaggio di cui vogliamo umilmente farci portatori, a presenziare e farsi testimoni di un ricordo che non sbiadisce, di un messaggio che non invecchia, di una lotta che non si arresta.

Evento – https://www.facebook.com/events/747226968700919/

Club Berlinguer di Casoria

23 Dicembre