La bufala, uscita qualche giorno fa su alcune pagine Facebook, è di quelle pesanti, perché giocano con l’ignoranza delle persone. Come spesso accade, queste finte notizie diventano virali all’interno del sistema dei social network. Che ci vogliano giorni, o mesi, le bufale viaggiano ad una velocità supersonica.

Ma il contenuto di questa bufala? L’immagine riprende il Presidente del Consiglio, incriminato di aver introdotto, all’interno della Legge di Stabilità, un reddito di cittadinanza di 600,00€ per i cittadini stranieri residenti in Italia. La notizia, oltre ad sembrare strampalata, è palesementa finta. Non esiste nessun discorso di reddito di cittadinanza all’interno della Legge di Stabilità, non se ne trova traccia.

bufala

Facciamo chiarezza

L’unica proposta di reddito di cittadinanza proviene dal Movimento 5 Stelle e da Sinistra Ecologia e Libertà, ma non sono emendamenti alla Legge di Stabilità e, soprattutto, non sono all’interno della stessa. La confusione, quindi, nasce da qui, dall’aver letto la proposta dei due movimenti politici e pensandoli come parte integrante dell’azione di governo di Matteo Renzi. Mettiamoci un po’ di sano razzismo, il gioco è fatto.

La notizia si è diffusa velocemente su tutti i gruppi fascisti e leghisti, è stata rilanciata dalla pagina leghista Lega dei Popoli e, poi, ripresa da un’altra popolosa pagina: Italia agli Italiani. I post di queste pagine non lasciano spazio all’immaginazione, una è la pagina che sostiene Matteo Salvini, la seconda è una pagina chiaramente fascista. La domanda che ci si pone è: possibile che i nostalgici mussoliniani si stiano avvicinando al nuovo movimento politico di Salvini? Il pericolo, quindi, è la costituzione di un fronte nazionale italiano, che parte dalla base lepenista e si radica sul territorio approfittando di tutta l’area della destra extraparlamentare, ad esempio, Casapound.

Forse, l’obiettivo di chi ha fatto la bufala, è quella di avvicinare maggiormente gli attori principali di questa possibile alleanza, dando una mano a potenziarne la carica razzista.

Attenzione alle bufale.

Luca Mullanu

CONDIVIDI
Articolo precedenteNAPOLI – Tensione all’istituto E. Savoia, la Digos schiaffeggia uno studente
Articolo successivoSondaggio EMG: il Movimento guadagna 1 punto
Lavoratore precario nel settore del turismo, appassionato di politica sin dalla nascita. Fondatore e ideatore di Libero Pensiero online, insieme ad Emanuele Tanzilli. Cuore a sinistra, contribuisce alla crescita della FGCI, di cui era anche Segretario Provinciale di Napoli. Attualmente senza casa politica, come tanti e tante di sinistra che non si riconoscono più in nessun soggetto organizzato. Un libero pensatore: scrive praticamente da sempre. Da ragazzo, come tantissimi altri, avvertiva il peso delle ingiustizie della società: voleva cambiare il mondo e ha cominciato ad impegnarsi durante i primi anni di Liceo. Ha sempre odiato le ingiustizie, tanto quanto i suoi compagni di viaggio. Non ama i dogmi, ma lo anima la voglia di discutere.