Intervenuto ai microfoni di Rtl 102.5  il premier Matteo Renzi, ha parlato di svariati temi. Vediamoli in dettaglio:

Economia e Lavoro. Manca poco all’approvazione dei Decreti attuativi del Jobs Act da parte del Consiglio dei ministri, che vedrà l’introduzione del contratto unico a tutela crescente e modifiche sugli ammortizzatori sociali. Il giorno stabilito è il 24 Dicembre. Il premier si è soffermato non tanto sul Jobs Act,  quanto sulla Legge di Stabilità che, ammette, non favorisce i giovani che vogliono aprire la Partita Iva.  Per questo motivo ha promesso un “intervento correttivo” con l’inserimento di un “provvedimento ad hoc per i giovani professionisti che non hanno avuto vantaggi dalla legge di stabilità.” Sul versante economico ha esposto i vantaggi che l’Italia avrà dall’introduzione della Riforma del Lavoro : “L’Italia si è rimessa in moto: ci sono 122mila posti di lavoro in più e l’export continua a salire nonostante la crisi in Russia” ha anche detto che molti gli investitori stranieri che attendono le riforme per investire in Italia “Ci sono molti investitori che mi dicono: ‘voi approvate il jobs act e noi investiremo”.

L’Ilva di Taranto. Inserita tra i futuri investimenti,  Renzi, ha spiegato però che l’Europa si è mostrata in alcune occasioni contraria nell’investire per riqualificare l’area. “L’Europa deve smettere di vivere gli investimenti come un problema”, ha detto il premier ed ha aggiunto: “mi mettevano in guardia sul fatto che l’Europa possa considerare queste misure come aiuti di Stato. Con tutti i morti di tumore che ci sono stati, volete impedirmi di mettere i soldi per riqualificare l’ambiente a Taranto?”. Dunque gli investimenti per il risanamento ambientale di Taranto ci saranno nel 2015 anche con le regole europee che “non possono essere un assillo burocratico”.

Caso Marò: Il premier si è mostrato ottimista, soprattutto grazie all‘apertura dell’India, che ha accettato di intraprendere “una soluzione condivisa”. Il governo dice essere sempre in contatto con quello indiano per la liberazione dei due militari italiani “in un clima di rispetto istituzionale ma chiediamo che si faccia rapidamente”, dichiara Renzi.

Nodo Quirinale : Sul toto – nomi dice che “non vorrei che diventasse un dibattito sulla persona. Il Presidente della Repubblica è il garante delle istituzioni, un punto di riferimento di tutti, deve avere il compito di far rispettare la costituzione, deve essere una persona saggia e esperta”. Nel chiedere  agli altri partiti di “deporre le armi” quando si dovrà eleggere il successore di Napolitano cercando di trovare una buona soluzione, si rivolge direttamente a Salvini, che aveva proposto come candidato l’allenatore ed ex calciatore del Milan Franco Baresi. “Con tutto il rispetto per Baresi… posa il fiasco, metti da parte la bottiglia. Riferito a Salvini, naturalmente”, afferma.

Le norme contro il maltrattamento degli animali : In questi giorni gli animalisti si erano posti contro una norma che sembra depenalizzi il maltrattamento degli animali. Renzi si unisce alle rassicurazioni che ha dato il ministro della Giustizia Orlando alle due senatrici del Pd: “Molti animalisti sono preoccupati perché sembra che stiamo depenalizzando il maltrattamento degli animali. Ma vorrei rassicurare: queste norme non sono ancora legge, saranno modificate. Ascoltiamo sempre tutti. Si può anche sbagliare e modificare strada facendo le leggi che facciamo”.

Claudia Cepollaro-