La direzione regionale del PD riunitasi il 30 Dicembre a Napoli, come solito alla sede di Santa Maria La Nova (anche sede dell’amministrazione provinciale di Napoli), ha deciso di rinviare le primarie, per scegliere il candidato alle regionali campane 2015, al 1 Febbraio.

C’è stato il voto di maggioranza per il documento presentato dal segretario Assunta Tartaglione, che ha chiesto esplicitamente uno sforzo da parte di tutte le componenti del Partito Democratico affinché si mettano da parte tutte le lotte interne che possono far male solo allo stesso partito. La Tartaglione ha inoltre giustificato il rinvio come giusto mezzo per poter organizzare al meglio una campagna sicura, evitando errori di percorso passati, un’opportunità per creare un contesto sereno all’ interno del PD.

Ma non è la prima volta che le primarie della regione Campania vengono rinviate, si sarebbero dovute tenere già il 14 Dicembre, data che fu poi sostituita con l’11 Gennaio ed ora ecco comparire l’ennesima scadenza datata 1 Febbraio. Si vocifera infatti che il Partito Democratico stia in realtà aspettando il responso della sentenza che si terrà il 22 Gennaio, non a caso, che coinvolge il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. Giungono inoltre da Roma nomi come quello di Gennaro Migliore, probabilmente favorito dal premier Renzi per le sue possibilità di vittoria date le incertezze degli ultimi tempi  dell’attuale presidente della regione Campania Stefano Caldoro. Non manca però di farsi sentire chi ritiene Migliore un candidato inappropriato  essendo lontano dalle problematiche attraversate negli ultimi vent’anni dalla città di Napoli, compare quindi il nome di Francesco Nicodemo.

Dal Partito Democratico ancora nessuna notizia sicura sui candidati, bisognerà aspettare il giorno delle primarie sperando che il partito non continui a cambiarle.