Flash Mob a Napoli: Je suis Charlie è l’evento multietnico tenutosi presso Largo Berlinguer, nei pressi della stazione metropolitana linea 1 in Via Toledo il 12 Gennaio 2015 dalle ore 17:00.

Tale manifestazione è stata organizzata da Sergio Valentino con la collaborazione di Bruna Di Dio ed ha avuto in primis l’intento di mostrare vicinanza e solidarietà al consolato francese circa il massacro Charlie Hebdo di Parigi definito l’11 settembre del giornalismo. 

Al Flash Mob hanno preso parte giovani di religioni e orientamenti differenti che hanno manifestato, malgrado le distanze, insieme al console della nazione duramente colpita dagli integralisti islamici legati ad Al-Qaeda e al califfato del Sis.

Ci si aspettava maggiore partecipazione dalla cittadinanza ma, nonostante ciò, giovani immigrati di fede musulmana, giovani cattolici e non cattolici, credenti e non, hanno contribuito a manifestare in piazza tutti uniti in nome della libertè, dell’uguaglianza e della tolleranza. Tante sono state le iconografie utilizzate; magliette e cartelloni con l’arcinota scritta “Je suis Charlie”, matite spezzate, temperini, slogan e tanti NO ad ogni forma di terrorismo perché bisognarestare umani.

1472755_10205030512675307_6310077475236078733_n  10411135_10205030517155419_5810139973704809241_n

 “La libertà non può essere spezzata, ogni tentativo in questo senso non fa che raddoppiarla”

10934084_10205030515875387_6496931078265836077_n

Sabrina Mautone Flash Mob a Napoli: Je suis Charlie è l’evento multietnico tenutosi presso Largo Berlinguer, nei pressi della metropolitana in Via Toledo il 12 Gennaio 2015 dalle ore 17:00.

Tale manifestazione ha avuto in primis l’intento di mostrare vicinanza e solidarietà al consolato francese circa massacro Charlie Hebdo di Parigi definito l’11 settembre del giornalismo.

 

Giovani immigrati di fede musulmana, giovani cattolici e non cattolici, credenti e non, tutti uniti in nome della libertè, dell’uguaglianza e della tolleranza. Tantissime sono state le iconografie utilizzate; magliette e cartelli con l’arcinota scritta “Je suis Charlie”, matite spezzate, temperini, slogan e tanti NO ad ogni forma di tirannide perché bisognarestare umani.o

CONDIVIDI
Articolo precedenteMassimo Osanna: la rinascita di Pompei
Articolo successivoBoxOffice: finalmente American Sniper
Sabrina Mautone nasce a Napoli il 18 Maggio 1996. Diplomata presso il Liceo Scientifico Niccolò Braucci e laureanda in Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II. Amante della scrittura, letteratura e fotografia. Vince il premio Librandosi da giovanissima.