NAPOLI – Nel bel mezzo del cuore della città, in un particolare negozietto che ha saputo unire l’arte alla piacevolezza di uno shopping culturale più che turistico, un signore della filosofia “partenopea”, che ha contribuito negli anni a puntare i riflettori su ciò che di buono c’è a Napoli, insegnando ad apprezzarne le contraddizioni, mette in mostra un lavoro nuovo  e insolito.

Si tratta di Luciano De Crescenzo e l’evento in questione è la mostra fotografica “La Napoli di Bellavista” in cui sono esposti diversi suoi scatti che ritraggono gli aspetti più veri e vivi di Napoli. La mostra è ospitata dal Museum-shop del centro storico.

Non è il solito negozio di souvenir. È un piccolo gioiello quello creato da un imprenditore che ha creduto nella cultura a portata di tutti, lontana da cineserie e omologazioni. All’interno infatti non troverete le solite tazze, le solite penne o le solite t-shirts. Solo piccole opere d’arte. Maglie con stampe che riproducono le più importanti opere partenopee, realizzati da un gruppo di giovani italiani; riproduzioni di gioielli antichi ricreati dalle botteghe del Borgo Orefici, riproduzioni di vasi ercolanese o pompeiani di artigiani partenopei. Ed infine, mostre gratuite che fanno da cornice a questo piccolo museo.

Da Dicembre fino al 12 di Febbraio, infatti, l’esposizione degli scatti del regista e scrittore Luciano De Crescenzo strappa un sorriso e, per chi ha qualche anno in più, riporta ad una Napoli che fu e che qua e là ancora è possibile ritrovare. Viene fuori tutta l’ironia, la piacevolezza del passeggiare per i quartieri e i vicoli di Napoli. Il piacere di assaporare ― ancora, per fortuna ― una napoletanità vivida e sorridente, anche quando ha l’amaro in bocca. E per gli appassionati di De Crescenzo regista, insieme alla mostra, è riprodotto in loop il film cult “Così parlò Bellavista”.

La mostra fa da sfondo in realtà alla presentazione del nuovo libro di Luciano De Crescenzo, “Ti porterà fortuna”, che si terrà il 16 Gennaio alle 17.30 al Museum-shop di Largo corpo di Napoli.

Quello di De Crescenzo è un tentativo nuovo e curioso di parlare di Napoli. È una guida alla città, decisamente diversa dalle solite guide. Sarà proprio De Crescenzo a parlare del libro e dell’idea di legare alla presentazione di quest’ultimo una mostra fotografica.

L’autore in Ti porterà fortuna fonde il pensiero greco antico con quello napoletano, in un continuum storico e culturale, passando con disinvoltura da Diogene al guardiamacchine Raffaele, da Platone alla vita quotidiana del popolo partenopeo. Con leggerezza ed ironia affronta argomenti filosofici, accompagnando il lettore in un tour del pensiero napoletano attraverso i luoghi della città. Assieme all’autore interverranno, inoltre, il giornalista Pasquale Esposito e la curatrice Laura Del Verme.

L’ingresso è gratuito. Per maggiori informazioni, visitare la pagina Facebook https://www.facebook.com/events/880026175353045/?pnref=story.

Agnese Cavallo

 decrescenzolibrodecrescenzo1decrescenzo3.decrescenzo2

CONDIVIDI
Articolo precedenteDimissioni Napolitano: riflessione su un re-padre italiano
Articolo successivoPapa Francesco a Manila: tra libertà d’espressione e rispetto

Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale e magistrale, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani , importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e quasi una missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale, anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero News” occupandosi di sociale, cronaca, cultura e politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizionie e bellezza.