Notte di arresti antiterrorismo a Berlino e Parigi. Sarebbero 12 le persone fermate oggi nella banlieue della capitale francese, tra queste ci sarebbe il principale complice di Amedy Coulibaly, il terrorista che ha ucciso a Parigi una vigilessa e 4 clienti nel supermercato cocher ebraico. L’uomo avrebbe fornito a Coulibaly, secondo iTelè, il più rilevante supporto logistico” e in particolare l’auto su cui viaggiava prima della sparatoria a Montrouge.

Ma non è tutto per i cugini d’oltralpe. La tensione resta molto alta: stamattina verso le otto è stata evacuata una stazione a la Gare de l’Est per due pacchi sospetti. Ma era solo una suggestione, perchè dopo un’ora e mezza l’allarme è rientrato.

Allarme in Italia. Ancora, dalla Francia arriva la notizia che al valico del Frejus sono state arrestate due persone che tentavano di entrare in Italia. Si tratterebbe di due uomini sfuggiti ai blitz di ieri a Verviers, in cui sono state uccise due persone, fermate 12 e nel corso del quale la polizia ha sequestrato kalashnikov, esplosivi per bombe e uniformi della polizia. Fuori uso anche alcuni siti di informazione francesi, per il quale le fonti indicano un possibile attacco informatico. Tra le testate ci sarebbero France Inter, Mediapart, LeParisienne, 20Minutes.

La paura passa anche da Berlino. La polizia tedesca ha arrestato due persone nelle prime ore di oggi nell’ambito di un’operazione anti terrorismo. Gli arrestati: due uomini di 41 e 43 anni, sospettati di avere pianificato un attacco terroristico di vaste dimensioni in Siria. Altre tre persone sono state interrogate e poi rilasciate. Non ci sarebbero prove dela preparazione di un attacco contro la Germania. Coinvolti oltre 250 agenti di polizia.

Gran Bretagna. Nell’aeroporto londinese di Stansted, è stata fermata e arrestata una diciottenne per un presunto legame terroristico in Siria. Tra le accuse, la preparazione di un attacco terroristico e l’appartenenza a un’associazione vietata. Tutto questo è avvenuto alle 17 di ieri. Ed è di stamattina un la notizia, diffusa dalla CNN, della presenza di venti cellule dormienti in Europa, con 120-180 jihadisti pronti a colpire in Francia, Germania, Belgio e Olanda. Una minaccia “imminente”, è l’allarme lanciato dalle agenzie di intelligence occidentali. Secondo l’Icsr, in Italia ce ne sarebbero 80.

Irlanda. Anche qui l’arresto di un presunto terrorista che avrebbe cercato di entrare a Dublino con un passaporto falso.L’uomo era ricercato dopo che sui social aveva manifestato il suo sostegno agli attacchi compiuti in Francia contro Charlie Hebdo.

La reazione più rilevante è quella di Marine Le Pen, che ha espressamente dichiarato senza mezzi termini di Abolire Schengen”, poiché rappresenterebbe un «paradiso per gli jihadisti», puntualizzando che, nel caso di una sua elezione, proporrà un  referendum per la reintroduzione della pena di morte. Non ci sono “legami certi” fra le cellule che hanno subito i blitz in Francia e Belgio, ha precisato il primo ministro francese Manule Valls, ma la minaccia terroristica “non è mai stata così alta”.

Giancarlo Manzi