Un regista eclettico e fuori dal comune, un profilo social e una web series.

Questi sono gli ingredienti di #celerentola.

Che cos’è #celerentola? Il racconto, sotto forma di serie per il web, di una ragazza di 23 anni, appena laureata in agraria, che sbarca il lunario con vari lavoretti: ”spettinata alla fermata dell’autobus senza scarpette di cristallo”, con un fratello, dei genitori separati e un pallino nella testa: sognare ad occhi aperti. Un ragazza come tante insomma.

Una storia, quella di Celestina, nata dall’idea di Duccio Forzano, insieme a sua moglie Valentina Stangherlin e dal profilo Facebook di Celestina Pistillo, una ragazza campana che ha saputo tirar fuori il meglio dai social network e oggi lavora per la Rai.

”Ho conosciuto Celestina mentre ero al Festival di Sanremo, leggendo i suoi post su Facebook mi sono talmente divertito che ho deciso con mia moglie Valentina di contattarla per realizzare questo progetto insieme a lei” ha dichiarato Forzano in un’intervista per l’Ansa.

Per una volta, possiamo e dobbiamo dire grazie a quel mondo parallelo dei social network, che molto spesso diventa un canale di sfogo per chi non trova il coraggio di dire in faccia quello che pensa, ma si rende forte dietro ad un monitor del pc.

Qui non c’è rabbia, non ci sono insulti o manie di protagonismo. C’è solo un account ironico, divertente e pieno di spunti.

L’intento della web series è quello di raccontare le mille sfaccettature della vita normale. Le avventure e le disavventure di una giovane donna come tante, che si scontra con la realtà, perché non sempre tutto è rose e fiori, a volte ci sono anche tante spine. Celestina potremmo tranquillamente essere noi.

I primi 12 episodi, tutti autoprodotti dalla Pennylane Production, sono estremamente fruibili, durano da 1 a 3 minuti, hanno uno stile accattivante, e possono vantare la partecipazione di volti noti e amati, come gli Zero Assoluto, Filippa Lagerback ed Ernesto Mahieux.

Nel cast fisso invece Stefano Vigilante, Francesca Milani, Danilo De Santis, Valeriano Solfiti, Federica Cifola, Filippo Gattuso e Virgilio Brancaccio.

Un progetto estremamente innovativo quello che Duccio Forzano ha voluto costruire, a cavallo tra il linguaggio del cinema e quello dei Social.

Originalità, contemporaneità, cura del dettaglio e dell’immagine sono solo alcune delle caratteristiche di Forzano. Tutte qualità che il regista e la sua squadra di lavoro hanno inserito all’interno di #celerentola che partirà a fine gennaio.

Le premesse per un successo senza precedenti ci sono tutte, anche grazie alla curiosità che proprio il web ha creato attorno a questo personaggio così strampalato uscito non da una favola, ma da un bar e sceso non da una carrozza a forma di zucca, ma da un autobus.

#celerentola sarà un’eroina moderna. Perché?

Perché come dice lei stessa sul suo profilo facebook:

“Le favole esistono, le principesse pure ma non guardate me. Vivo spettinata alla fermata dell’autobus senza scarpette di cristallo. Sono quella con gli anfibi”

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteNord e Sud: due diverse Unità d’Italia
Articolo successivoPonticelli, manifestazione pubblica contro camorra e illegalità
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.