Il nuovo Prefetto di Napoli, Maria Gerarda Pantalone, negli ultimi giorni ha ricevuto i più vivi auguri per questo compito da parte del sindaco Luigi de Magistris per il suo “gravoso e delicato incarico”, così definito dal sindaco a causa degli episodi di violenza verificatisi negli ultimi giorni in città. Nel messaggio al nuovo Prefetto, de Magistris spiega “Mi riferisco a fatti accaduti a Forcella, alla Sanità, a Ponticelli, certamente legati al fenomeno della criminalità organizzata, ma anche a scippi a danno di turisti italiani e stranieri che attengono alla microdelinquenza, altrettanto dannosa e pericolosa

Per questi motivi, per smorzare la paura dei cittadini e per stabilire nuove procedure da adottare contro questi fenomeni, il sindaco incita Pantalone a discutere della delicata problematica: “Le chiedo, con cortese urgenza, una convocazione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, al fine di adottare ogni opportuna iniziativa.

Nella città di Napoli problematiche di questo genere sono sempre persistite nel corso degli anni, a partire dagli scippi, al furto di auto ai furti nelle abitazioni ma i sondaggi parlano chiaro: nonostante le chiacchiere questi fenomeni stanno diminuendo col passare del tempo. Inoltre, secondo una classifica pubblicata dalla rivista statunitense “Business Insider“, il capoluogo campano non è considerato uno delle 50 città più pericolose al mondo e, secondo i dati dell’Associazione Nazionale delle Forze di Polizia (ANPF), Napoli è “solo” la quarta città più pericolosa d’Italia, preceduta da Milano, Torino e Roma.

Questo ovviamente non vuol dire che si debba abbassare la guardia, ci sarà sempre bisogno di una supervisione accurata ed organizzata dell’ordine pubblico, per rendere la città vivibile e visitabile tranquillamente dai turisti, senza che si debbano costantemente preoccupare della tipica frase dell’amico “Stai attento quando giri per Napoli, ti rubano tutto.

Daniela Diodato

CONDIVIDI
Articolo precedenteArrestato Giovanni Licciardi, boss di Miano
Articolo successivoTracce di cultura: “Te lo faccio vedere chi sono io”
Daniela Diodato, nata nel 1996, vive a Napoli, diplomata al liceo linguistico G.B. Vico, frequenta il corso di studi di Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II. Ha una passione per le lingue, le culture straniere ed i viaggi, costantemente alla ricerca di nuove persone e posti da conoscere. È interessata ad eventi culturali, musica ed arte ma anche scuola ed universitá, che la riguardano molto da vicino.