”Il Test di Medicina si farà, probabilmente a Settembre”. E’ quanto afferma il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, a margine dell’incontro delle Commissioni Cultura e Affari Sociali. La Giannini poi aggiunge:”Lavoreremo anche per apportare modifiche alle sue modalità di svolgimento”.

Accantonato(forse definitivamente) l’esperimento del 2014 con le prove ad Aprile(non poco criticato).
Decade quindi anche la possibilità, paventata qualche tempo fa dal Governo, di abolire la prova di ammissione.
Altra possibile novità per il test di medicina del 2015 è relativa ai corsi di preparazione degli atenei: se tale possibilità diverrà concreta, gli studenti e le studentesse che vorranno tentare l’accesso al dipartimento avranno la possibilità di prepararsi alla prova d’ingresso nei mesi estivi negli atenei universitari che propongono il test. Il Ministro Giannini ha comunque voluto rimarcare a più ripresa che resta il ”problema” della grandissima domanda nei confronti delle facoltà mediche da parte dei giovani diplomati, una domanda talmente ampia che ovviamente crea delle problematiche in relazione al numero limitato di posti disponibili.

Intanto l’Avv.Michele Bonetti protagonista con l’Unione degli Universitari del maxi ricordo 2014′ per le irregolarità riscontrate nei test, dal proprio profilo Facebook scrive:”Il Ministro Giannini e l’On.le Faraone hanno riferito alla Camera che il test rimarrà, con la modifica delle sole domande e il tentativo di spostare i corsi di preparazione negli Atenei.
Non nascondiamoci dietro un dito, così facendo rimarrà tutto uguale, nel bene e nel male; forse qualcuno vuole che lo status quo permanga, ricorsi compresi.
Tutto questo dopo la stagione dei maxi ricorsi Udu che hanno consentito a migliaia di ragazzi di studiare. Sulla vicenda sarà a breve pubblicata una mia intervista, in cui spiegherò i prossimi passi sulla scacchiera delle specializzazioni con tanto di date di udienza, scorrimenti delle graduatorie e spiegazioni su questa assurda dichiarazione di interesse. Sempre antagonista e sempre contro corrente, sempre senza sconti per nessuno. La partita è ancora tutta da giocare e il muro si può ancora abbattere”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteAllo spazio ZTN va in scena “Mirabilia”
Articolo successivoS. Antimo, la scuola come ultimo baluardo dello Stato

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II