MELBOURNE – Ci siamo. Dal 19 gennaio al primo di febbraio andrà in scena il primo dei 4 Slam dell’anno solare. La prima tappa è il campo cementato di Melbourne (Australia) dove si terranno gli Australian Open. Tutti i più forti non possono mancare al primo grande appuntamento dell’anno, lo Slam differisce dagli altri tornei del circuito in quanto il numero dei set è maggiore. Rispetto agli ATP, una partita di un torneo del Grand Slam si vince con 3 set su 5, e non con 2 su 3; prepariamoci a vivere sfide più intens.

Il tabellone del torneo è strutturato in modo che le test di serie, ovvero i Big, non possano incontrarsi nei match iniziali del torneo. In due settimane di tennis australiano, dunque, non aspettatevi di vedere Federer-Nadal prima della prossima settimana (se tutto andrà bene, potremmo vederli in semifinale). Piuttosto, i match prima degli ottavi di finale servono principalmente a testare le condizioni fisico-atletiche dei favoriti per la vittoria finale. Il tabellone fa in modo che i vari Djokovic, Federer & Co. subiscano avversari sempre più forti man mano che il torneo prosegue, almeno sulla carta. Negli Slam la sorpresa è dietro l’angolo, l’occasione è ghiotta per chi sguazza nelle posizioni inferiori del ranking mondiale, e l’Australian Open è da sempre il torneo più imprevedibile fra tutti gli Slam, poiché è difficile avere certezze ad inizio anno, quando le uscite ufficiali sono ancora in numero troppo esiguo.

Ma i favoriti non possono che non esser loro: Novak Djokovic e Roger Federer. Nonchè i migliori del tramontare 2014. Il serbo ha interrotto la sua striscia di 3 anni vittoriosi a Melbourne lo scorso anno, quando Stan Wawrinka gli ha strappato di racchetta il titolo sconfiggendolo in una semifinale spettacolare e dal risultato inatteso. Lo svizzero infatti prendere parte al torneo come numero 4 del mondo, e se dimostrerà continuità potrebbe arrivare sino ai quarti, dove potrebbe incontrare il giapponese Nishikori. Dall’altra parte del tabellone, si presenta Nadal, il maiorchino ha già superato il primo turno, così come gli altri big della parte bassa del torneo che hanno giocato nel lunedì inaugurale. Anche Federer è già approdato al secondo turno, dove si troverà di fronte l’italiano Bolelli, qual ora passasse il turno, lo svizzero potrebbe incontrare un ulteriore italiano: Andreas Seppi. Naturalmente gli italiani non si arrenderanno facilmente ma Federer è favorito non solo contro di loro ma anche per la vittoria finale. Lo svizzero ha comunicato di sentirsi in forma, non vince in Australia dal 2010 ed il tennis che sta regalando sembra tutt’altro che sulla via del ritiro, con 17 Slam alle spalle: nessuno come lui.

Per quanto riguarda il femminile, Sharapova ed Ivanovic cercheranno di contenere il dominio della Williams, a caccia del 19° titolo dello Slam. La statunitense è prima in quanto a vittorie dello Slam tra le tenniste ancora in attività, ma è quarta nella classifica all-time ed è a quota -6 dall’australiana Margaret Smith Court (la tennista femminile più vincente della storia). Un titolo che Serena vuole fare suo una volta per tutte.

Fonte immagine in evidenza: google.com

Raffaele Cianni