NAPOLI – Angelo Ferrillo, Presidente dell’Associazione www.laterradeifuochi.it “espulso” dal Movimento Cinque Stelle, ha parlato oggi in una conferenza stampa, per spiegare a tutti la vicenda che l’ha visto coinvolto. Secondo Ferrillo, pur avendo tutti i requisiti per essere uno dei candidati alle Regionali, dopo aver ottenuto 104 preferenza sul web, tramite una mail dallo staff di Grillo, gli comunicano che è fuori dalla competizione elettorale.

Il blogger dopo aver mostrato ai presenti i documenti e gli screenshot contro la sua persona si chiede il “perchè di questi attacchi contro la sua persona”. ”Ho invitato tutti gli attivisti e i parlamentari del Movimento Cinque Stelle Campania, ma nessuno si è presentato. Sono a conoscenza che a molti del movimento è stato proibito di esprimersi in merito alla mia vicenda”.
L’attivista ha poi dichiarato di aver ricevuto diversi attestati di solidarietà, tra cui il tweet del Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro:”Vicenda Ferrillo, mi auguro che le sue proposte e denunce troviano rappresentanza”.
Ferrillo poi, ammette che molti partiti gli hanno chiesto di candidarsi, ma Grillo e i suoi l’hanno messo alla porta. ”Forse do fastidio a qualcuno? che me lo vengano a dire chiaramente”.
Il blogger rendo inoltre noto che si è beccato anche una “querela” da Casaleggio, per un post sul social network facebook risalente all’anno scorso; su questa vicenda, tuttavia Ferrilo, dichiara di voler mantenere il silenzio stampa e a ripondere sarà il suo legale
”Sono stato espluso ingiustamente da un’elezione su base regionale in cui democraticamente ero stato eletto dove la base che è sovrana si era espressa e mi aveva scelto”.
Ferrilo parla anche della terra dei fuochi:”Purtroppo la terra dei fuochi brucia ancora. I fenomeni che stiamo contrastando sul territorio continuano. A poco sono serviti i decreti legge, la legge regionale e i tour. Attendiamoci quindi un’altra stagione di roghi tossici. C’è bisogno – conclude – di realizzare una politica concreta che aggredisca questo fenomeno”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteMattarella propose il carcere per Silvio Berlusconi!
Articolo successivoIl ddl Grasso alla prova “salva-Berlusconi”: il Patto è rotto davvero?

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II