NAPOLI – Quest’anno la Settimana del cuore dà il via alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e della morte cardiaca.

L’iniziativa, presente su tutto il territorio italiano, è promossa dall’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO), in collaborazione con la fondazione “Per il tuo cuore – HCS Onlus”. L’obiettivo è la prevenzione e l’informazione. Le malattie cardiovascolari, infatti, possono essere prevenute o corrette attraverso un’alimentazione sana e la conoscenza di sintomi che aiutino a riconoscere infarti, intervenendo tempestivamente. In questa settimana sarà possibile effettuare visite gratuite, elettrocardiogrammi e seguire corsi informativi ed educativi. Basterà rivolgersi ad una delle strutture aderenti all’iniziativa. Nella Regione Campania sono circa una ventina gli Ospedali e i Centri che partecipano alla Settimana del cuore dal 9 al 15 febbraio. Solo in Campania ogni anno sono 13mila i pazienti ricoverati per infarto e oltre mille sono i decessi, metà dei quali evitabili adottando stili di vita più sani. A sostenere l’iniziativa entreranno in “campo” anche le squadre di Serie A del Campionato di calcio che, durante la ventiquattresima giornata di campionato, dedicheranno la partita alla salute del cuore.

Per coloro che fossero interessati ad approfittare dell’iniziativa, le strutture della Regione Campania aderenti all’iniziativa Settimana del cuore, sono qui elencate di seguito:

Fondazione Pascale Napoli

Ospedale San Gennaro di Napoli

Ospedale Cardarelli Napoli

Ospedale Monaldi Napoli

C.T.O. Napoli

Ospedale Santa Maria della Carità Nola (NA)

Ospedale San Leonardo Castellammare di Stabia (NA)

Ospedale Anna Rizzoli Ischia (NA)

Ospedale Santa Maria della Misericordia Sorrento (NA)

Centro di Cardiologia Vigorito Arzano (NA)

Presidio Ospedaliero Ariano Irpino (AV)

Ospedale Civile Ave Gratia Plena

Ospedale Moscati di Aversa (CE)

Ospedale S.Anna e S. Sebastiano (CE)

Ospedale Ave Gratia Plena San Felice a Cancello (CE)

Piedimonte Matese (CE)

Ospedale Ruggi D’Aragona di Salerno

Ospedale S. Luca Vallo delle Lucania (SA)

Azienda Ospedaliera Rummo di Benevento

Agnese Cavallo

CONDIVIDI
Articolo precedenteNoi con Salvini: tra uova ed ortaggi, la nuova Lega a Palermo
Articolo successivoFIAT, continua la battaglia dei cassintegrati
Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale nel 2013 con 103/110, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani “i Vermi. Studi storici sulle classi pericolose in Napoli”, importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e, quasi, una vera missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero” prediligendo il sociale, la cronaca, la cultura e anche la politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizioni e bellezza.