Terza conferenza stampa per Sanremo 2015.

La conferenza stampa della Felicità, se vogliamo prendere a prestito la canzone cantata ieri sera da Albano e Romina. Una conferenza stampa abbastanza sterile, dove le domande sono state deboli quanto e più delle risposte. Lontano anni luce il clima di astio e cattiveria che ha aleggiato l’anno scorso proprio nella stessa sala, ma si sa i tempi cambiano e ciò che è stato fatto dalla X persona e per il quale si è puntato il dito, fatto da altri risulta la cosa più bella del mondo. E così ecco arrivare anche nelle domande dei giornalisti in sala, quel buonismo che tanto è stato criticato e martoriato in tempi non sospetti. Cerchiamo allora di riassumere quanto detto oggi.

“Esprimo una grandissima soddisfazione di questo risultato. E’ un segno che Carlo, il cast e le canzoni hanno saputo intercettare i gusti del grande pubblico. 11.767.000 spettatori con 49,34 per cento nella prima puntata. Un italiano su due. Prima parte sui 13 milioni, seconda parte sui 6 milioni da mezzanotte in poi. Due picchi: 58% alle 23,13 con Felicità e uno alle 21.45 con Conti ed Emma che annunciavano Malika dopo la famiglia Anania. Anteprima del Festival 9.200.000 spettatori circa.”. 

Queste le dichiarazioni e i numeri di Leone, mentre Conti ha così commentato il successo della serata:

“Sono contento, felice di aver raggiunto questo risultato ma andiamoci piano, bisogna ancora pedalare nelle altre serate. Sono numeri inaspettati. Solitamente non ho l’angoscia degli ascolti ma questa alle 9,45 ho provato una sindrome nuova, del calciatore che tira un rigore e sa solo il giorno dopo se ha fatto rete o no”.

Ma Conti mette anche le mani avanti anticipando il prevedibile calo fisiologico di questa sera. Due parole spese per le Vallette: “Grazie ai gioielli di Arisa, Emma, Rocio, che ogni sera chiamerò in modo diverso e grazie agli ospiti che sono intervenuti”.

Poco pregnanti gli interventi delle stesse, a parte la commozione di Emma:

“Ero impacciata? Tantissimo. Ero di legno? Tantissimo. Ero emozionata quasi da non riuscire a dire Buonasera. Credo di essere stata coerente con quello detto. E’ un palco che mette paura e ansia però voglio essere onesta e ribadire il concetto di ieri. Mi sono sentita una principessa. Ho cercato di fare tutto in maniera pulita e onesta. Ho presentato gli artisti con lo stesso tono per rendere il tutto regolare. Mio padre mi ha detto stamattina ‘Ieri sera ho visto la donna più bella del mondo’ e per me ho vinto lì”, Arisa punta sulla battuta, mentre Rocio incassa le obiettive osservazioni circa il poco contributo dato alla prima serata: “Sicuramente la verità è che Emma Arisa e Carlo conoscevano già il palco di Sanremo, per me era la prima volta parlando una lingua che non è la mia, stiamo scoprendo giorno per giorno cose nuove, le cose assaggiate poco a poco hanno un sapore più intenso alla fine. Spero di darvi sempre di più con calma”

Qualche pseudo polemica sulla metodologia di votazione, molte battute e la presentazione di ciò che vedremo questa sera, nella seconda puntata di Sanremo: i primi quattro giovani in gara (Chanty, Kaligola, Kutzo ed Enrico Nigiotti) e gli altri 10 big in gara.

Ospiti Biagio Antonacci, Conchita Wurst, Marlon Roudette, Lobolus, Biagio Antonacci, Conchita Wurst, Charlize Theron, Angelo Pintus e Vincenzo Nibali.

Mentre per domani, la serata delle Cover, sono stati annunciati Luca e Paolo, un collegamento con Samatha Cristoforetti, gli Spandau Ballet e i Saint Model.

 Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteBoscoreale, trenta giovani in stage al Comune
Articolo successivo“Tracce di cultura”: San Valentino a Napoli
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.