NAPOLI – Bagnoli torna in piazza! “Tornerò nel sud ogni 3 mesi a partire dal 7 novembre a Bagnoli…ogni 3 mesi sarò qui” cit. Renzi. Era il 14 Agosto e Matteo Renzi, fuori Città della Scienza, si è beccato la sua prima bella contestazione.Aveva annunciato che sarebbe tornato il 7 Novembre: ma è scappato, anzi non si è proprio presentato, spaventato dall’imponente corteo che ha portato in piazza migliaia di persone per dire no al commissariamento e alle speculazioni su Bagnoli, no allo Sblocca Italia. Un corteo, quello di novembre, che ha fatto da apripista a una serie di appuntamenti in tutto il Sud contro il decreto-vergogna e che ha solidificato una rete di lotte e impegno.

Sabato 14 febbraio, alle 10, su iniziativa del Laboratorio Politico Iskra, si torna in piazza: il concentramento sarà a Viale Campi Flegrei, Bagnoli (zona Pedonale). Poi si marcerà verso città della scienza. L’intento è di entrare “per firmare il nostro accordo su Bagnoli, che prevede lavoro stabile e sicuro, bonifiche reali e sotto controllo del territorio, servizi e spazi sociali”.

TORNIAMO INDIETRO –  Era una calda giornata di ferragosto quando il Premier Renzi visitava Bagnoli e sottoscriveva il protocollo d’intesa con il Comune di Napoli che di lì a poco avrebbe dato vita alla ricostruzione di Città della Scienza e alla bonifica delle aree di Bagnoli.
Poche settimane dopo lo stesso segretario del Partito Democratico, al termine del consiglio dei Ministri dichiarava:”Su Bagnoli si riparte con il commissariamento e tempi certi per la riqualificazione”. Così partoriva lo Sblocca Italia che affidava ad un commissario la direzione dei lavori di risanamento dell’area, espropriando di fatto il comune e i cittadini.

14 FEBBRAIO – La manifestazione cadrà proprio 48 ore prima dell’incontro che il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris avrà a Roma con gli esponenti del governo.
Al centro del vertice ci sarà la questione relativa alla bonifica e alla riqualificazione dell’area occidentale di Napoli.
”Un incontro che – ha detto De Magistris – è il segno di quel dialogo che le istituzioni devono sempre avere, ma – ha sottolineato – non significa che ci sia un’intesa, un accordo o un disgelo politico”. De Magistris ha ribadito il secco ‘no’ della sua amministrazione al commissariamento di Bagnoli previsto nello Sblocca Italia affermando che ”con quel tipo di via non si va da nessuna parte, mentre – ha aggiunto – se si individua un percorso istituzionalmente corretto nel rispetto della costituzione e della democrazia, è chiaro che il dialogo può fare passi in avanti importanti”

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteArgentina, via al maxi torneo da 30 squadre
Articolo successivoCarnevale di Città della Scienza, in maschera il 15 febbraio
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II