Scrivere di scuole che cadono a pezzi ormai non è più una novità. Quando però si sfiora seriamente una tragedia si grida allo scandalo. E’ il caso di due studentesse di una scuola di Grosseto, dove mentre una delle due chiudeva una finestra, una parte dell’infisso in metallo si è sganciata colpendo la studentessa sul collo per poi rimbalzare sul banco. Per fortuna nessuna ferita per le due ragazze.

La scuola in questione è il noto Isis Leopoldo II Lorena, il quale si é sempre distinto per le competenze a livello professionale che fornisce sia ai ragazzi che intraprendono il percorso di studi nei servizi per l’enogastronomia e l’accoglienza, sia nel settore socio sanitario.

grosseto2

A segnalare l’episodio la coordinatrice della Rete degli studenti medi di Grosseto, Sara Giannessi , la quale è anche rappresentante d’istituto al Leopoldo II di Lorena. “Per fortuna non ci sono state conseguenze fisiche per le due studentesse – dice Sara – ma non è la prima volta che all’interno dell’istituto vengono segnalati dagli studenti gli infissi pericolanti.  La presidenza – prosegue – si é sempre dimostrata disponibile nell’ascoltare le nostre problematiche e tentare di venirci incontro nel migliore dei modi , ma quando mancano i soldi per finanziare anche interventi di piccola manutenzione il problema persiste e comunque i ragazzi si trovano costretti a svolgere lezione in spazi per nulla consoni”.

La studentessa chiarisce anche che l’episodio dell’Isis Leopoldo non è un caso isolato, in quanto esistono diversi istituti a Grosseto e in provincia che presente le stesse problematiche.
”Come rete degli studenti medi stiamo portando avanti una campagna di sensibilizzazione sul tema edilizia scolastica nelle scuole grossetane #scuoleamisuradistudente, perche la situazione negli istituti,chi più chi meno,é un po la stessa. Da rappresentante d’istituto – conclude –dico solo che la scuola potrebbe dare davvero tanto,dal punto di vista professionale come fa già,ma anche dal punto di vista della vivibilità e dell’aggregazione,sfortunatamente per via dei mancati fondi per le varie ristrutturazioni non é cosi”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteRoma, 20.000 euro per il nuovo logo
Articolo successivoArgentina, via al maxi torneo da 30 squadre

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II