Palermo – Napoli 3-1: allo stadio Renzo Barbera va in scena l’anticipo delle 20-45. Il Palermo dimostra la sua grande forza in casa, battendo un Napoli troppo timido. La partita, dopo 14’ di equilibrio, cambia quando Lazaar porta in vantaggio i suoi con un tiro innocuo da 40 metri, che però Rafael non riesce a controllare. D’ora in poi è un lungo monologo rosanero: i padroni di casa dopo 36’ trovano anche il raddoppio con un fantastico piazzato di Vazquez, che finalizza un’azione da manuale. Nella ripresa la musica non cambia, e anzi sale in cattedra Dybala, che fa impazzire letteralmente la difesa avversaria. Suo lo spunto che poi favorisce il 3-0 di Rigoni al 65’. Inutile il gol del subentrato Gabbiadini nel finale, che non cambia la sostanza, ovvero quella di un Napoli messo sotto col gioco da un Palermo sempre più forte tra le mura amiche.

love2
SerieA: Vazquez esultato dopo aver segnato il gol del 2-0

 Atalanta – Inter 1-4: l’Inter, in trasferta a Bergamo, sfodera una prestazione da grande squadra, con un Fredy Guarin migliore in campo indiscutibilmente. Per gli ospiti le cose si mettono subito bene, quando al 2’ passano subito in vantaggio grazie al primo gol in campionato di Shaqiri da rigore. L’Atalanta non molla, e si riversa in avanti in cerca del pareggio, che arriva al 27’ grazie a Maxi Moralez che sfrutta ottimamente l’assist di Pinilla. Passano 10’ e l’Inter ritorna in vantaggio: Guarin dopo una percussione palla in piede, batte Sportiello con un preciso sinistro. All’inizio del secondo tempo (53’) Benalouane si fa espellere per proteste, e così le cose diventano ancora più semplici per i padroni di casa. Al 63’ arriva la doppietta di Guarin, che con un tiro a giro firma il 3-1. Al 72’ c’è spazio anche per uno spento Palacio, fortunato e bravo ad approfittarne di una deviazione, e a firmare il definitivo 4-1.

love1
SerieA: Il momento in cui Sportiello viene battuto dal sinistro di Guarin

Cesena – Juve 2-2: nel posticipo di giornata, la Juventus non riesce a sfruttare il grande regalo della Roma, rimanendo a +7. Il Cesena parte fortissimo: nei primi 10’ tante le occasioni per i romagnoli, con un Buffon deve superarsi per non concedere gol. Al 17’ però il numero 1 azzurro non può niente sul tiro di Djuric, perfettamente imbeccato da Defrel. Dopo il golo, e dopo 20’ al massimo, il Cesena cala, ed esce fuori la Juventus che macina gioco, guadagnando campo. Dal 27’ al 33’ i bianconeri ribaltano completamente il risultato: prima con il colpo di testa di Morata, e poi con l’inserimento di Marchisio, dopo la sponda dello stesso attaccante spagnolo. Il primo tempo si chiude con il dominio dei campioni d’Italia, che però non riescono a creare grandi pericoli. Il secondo tempo avanza su ritmi completamente diversi rispetto al primo, ma al 70’ arriva il clamoroso pareggio del Cesena, con Brienza. La Juventus si getta in avanti, e all’82’ ha l’opportunità di tornare sopra, con il rigore di Vidal, e la conseguente espulsione di Lucchini. Il centrocampista cileno spiazza Leali, ma allarga troppo la mira, non centrando la porta. Partita che così finisce giustamente sul risultato di 2-2.

love3
La disperazione di Vidal dopo il decisivo rigore sbagliato

Tutte le altre partite della 23ª giornata di SerieA

La giornata si apre con la vittoria esterna a Sassuolo della Fiorentina, per 1-3. A segno Salah (30’) e Babacar (32’, 62’) e Berardi (67’). Nel lunch match il Milan viene fermato in casa dall’Empoli sul risultato di 1-1. Alla zampata di Destro (40’), risponde il pareggio di Maccarone (68’). Vittoria di prepotenza del Genoa, in casa col Verona. Il risultato di finale è di 5-2. L’autogol di Agostini (10’) e il gol facile di Niang (12’) portano avanti il Genoa, ma Toni al 20’ riapre la partite con un colpo di testa. Al 30’ Niang firma la sua prima doppietta in Italia, con un colpo di testa fantastico. L’Hellas Verona non si arrende e accorcia ancora le distanze con Toni (57’), ma i padroni di casa riprendono il largo con Bertolacci (65’) e Perotti (86’). La Roma clamorosamente si ferma in casa contro un Parma arcigno, sul risultato di 0-0. Vittoria esterna della Lazio ad Udine, per 0-1, grazie al cucchiaio su rigore di Candreva al 23’. Pareggio per 1-1 tra Torino e Cagliari: alla botta di Donsah (34’), risponde subito dopo El Kaddouri (35’). Alle 18.00 si affrontano Chievo Verona e Sampdoria. I padroni di casa ottengono 3 punti importantissimi per la salvezza, battendo una Sampdoria che sembra in crisi d’identità: a segno Izco (2’), Meggiorini (39’) e Muriel (91’).

Risultati completi della 23ª giornata di SerieA

  • Sassuolo – Fiorentina 1-3
  • Palermo – Napoli 3-1
  • Milan – Empoli 1-1
  • Atalanta  Inter 1-4
  • Genoa – Hellas Verona 5-2
  • Roma – Parma 0-0
  • Torino – Cagliari 1-1
  • Udinese – Lazio 0-1
  • Chievo Verona – Sampdoria 2-1
  • Cesena – Juventus 2-2

Prossimo turno di SerieA

  • 20/02 Juventus – Atalanta 20.45
  • 21/02 Sampdoria – Genoa 20.45
  • 22/02 Empoli – Chievo 15.00
  • 22/02 Lazio – Palermo 15.00
  • 22/02 Milan – Cesena 15.00
  • 22/02 Parma – Udinese 15.00
  • 22/02 Hellas Verona – Roma 15.00
  • 22/02 Fiorentina – Torino 20.45
  • 23/02 Napoli – Sassuolo 19.00
  • 23/02 Cagliari – Inter 21.00

Classifica aggiornata di SerieA

1. Juventus 54 pti.

2. Roma 47 pti.

3. Napoli 42 pti.

4. Fiorentina 38 pti.

5. Lazio 37 pti.

6. Genoa 35 pti.

7. Sampdoria 35 pti.

8. Palermo 33 pti.

9. Inter 32 pti.

10. Torino 32 pti.

11. Milan 30 pti.

12. Sassuolo 29 pti.

13. Udinese 28 pti.

14. Empoli 24 pti.

15. Chievo Verona 24 pti.

16. Hellas Verona 24 pti.

17. Atalanta 23 pti.

18. Cagliari 20 pti.

19. Cesena 16 pti.

20. Parma*  10 pti.

* 1 punto di penalizzazione

Fonte immagini media: gazzetta.it

Biagio Dell’Omo