Il Ministro per le infrastrutture Lupi, in visita a Napoli, ci fa sapere che il centrodestra si è complimentato per il mandato portato a termine da Caldoro; un “buongoverno” pragmatico e positivo, viene definito. Il coordinatore di FI, Mimmo De Siano sembra essere d’accordo: Caldoro rappresenta la soluzione che mette d’accordo tutte le correnti politiche, benché lo scenario sia notevolmente mutato nel corso degli anni. Gli equilibri non sono certamente gli stessi di 5 anni fa, ma “bisogna continuare insieme, anche con Ncd e con i moderati”. Insieme, insomma, senza sapere quando e, soprattutto, come.

Finché, mentre tutto sembrava andare per il verso giusto, tutti d’accordo per lo stesso nome, tutto cambi perché nulla cam, ecco che Renzi ed Alfano mescolano di nuovo le carte in tavola: Quagliariello. A questo punto, quindi, pare confermata l’alleanza tra Ncd e Udc; persino i sostenitori di Caldoro sembrano essere d’accordo!

Ma c’è di più: una personalità di ispirazione popolare non sarà solamente presentata in Campania. Anche nelle Marche si sta pensando ad una vittoria centrista per riassestare gli equilibri. Una decisione, questa, che dovrebbe aiutare il centrosinistra ad uscire dal tunnel, per un senso di responsabilità. Finalmente l’odissea delle primarie in Campania è finita, con un sospiro di sollievo da parte di elettori, militanti e sostenitori del PD. De Luca, ex sindaco di Salerno, nel frattempo dichiara: “Chi vincerà le primarie sarà il candidato di tutti. Per il resto ribadisco, come ho fatto più volte, che la mia candidatura si muove nel rispetto delle regole fissate per le primarie dal PD e nell’ambito del codice etico che ci siamo dati. Ci muoveremo entro questo ambito rispettando rigorosamente le regole” – e sull’ipotetico appoggio che Alfano potrebbe dare al PD in Campania – “Mi pare che stiano perdendo tempo!”

Fa sapere, inoltre, che queste tormentate primarie sono state anche uno dei punti all’ordine del giorno alla Direzione Nazionale di ieri.
Adesso non ci resta che aspettare il dettaglio maggiormente rilevante: a quando la data?

Sara C. Santoriello

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa cucina dello Stregone: Nodini di carnevale
Articolo successivoTracce di cultura: recensione mostra “la stanza di Elsa”
Rappresentante degli studenti nel Consiglio Didattico di Scienze Politiche all'Università degli studi di Salerno (2015-2017). Consigliere del Forum dei Giovani di Cava De' Tirreni. Membro della Direzione Nazionale dell'Unione Degli Studenti (biennio 2014-2016). Esecutivo di Link Fisciano (2016-2018). Segretaria della CPS (biennio 2011-2013). Reporter per AsinuPress e LiberoPensiero. Per Polis SA Magazine gestisce la rubrica "Around The Corner".