Questa notte (finalmente!) si svolgeranno gli 87th Academy Award e gli occhi di tutto il mondo saranno puntanti sul Dolby Theatre di Los Angeles. Presenterà la serata Neil Patrick Harris (Barney Stinson di How i met your mother). Per la prima volta, dopo dieci anni, la serata potrà essere seguita in chiaro sul canale 26 del digitale terrestre (CieloTV).

Non ci resta che aspettare uno degli eventi più attesi e più seguiti, come appunto gli Oscar 2015 sono, provando a fare qualche ipotesi sugli ipotetici vincitori:

MIGLIOR FILM: BIRDMAN
La most important category quest’anno risulta essere più combattuta del solito: si sono sfidati fino all’ultimo voto Birdman e Boyhood, ma siamo convinti che il primo risulti essere leggermente favorito.
Il film con Michael Keaton, forte di un cast d’eccezione, ha riscosso un grosso successo anche da parte della critica (cosa non semplice) e può contare su una serie di premi vinti in questi mesi e molto indicativi per l’Academy.

MIGLIOR REGIA: LINKLATER
Qui si segue la falsariga del miglior film: i registi Innaritu e Linklater sono entrambi quotatissimi, ma, questa volta, l’ultimo potrebbe scamparla vedendo, così, premiato lo sforzo di aver girato un film in ben 12 anni. Va ricordato che di solito i due premi (film e regia) vanno di pari passo ma, essendo un anno un po’ particolare, potremmo assistere ad un cambio di rotta.

MIGLIOR ATTORE PROTAGONSITA: EDDIE REDMAYNE
Se i due premi precedenti sono tanto incerti quanto appassionanti, quelli che riguardano le performance di recitazione risultano essere più scontati del previsto. Eddie Redmayne sembra avere già la statuetta tra le mani forte di un’interpretazione da brividi.

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA: JULIANNE MOORE
Basta vedere la prima mezz’ora di Still Alice per rendersi conto di come Julianne Moore, che interpreta una malata di alzheimer, non abbia nessun rivale. Un plauso, però, a Rosamund Picke che in Gone Girl è stata eccezionale.

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: J.K.K. SIMONS
Whiplash è stato abbastanza sottovalutato sia negli USA che qui da noi a differenza del lavoro fatto da Simons nell’interpretare un temibile e severissimo maestro di musica. L’Oscar sarà suo.

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: PATRICIA ARQUETTE
Fantastica, quasi perfetta. La mamma di Boyhood è impeccabile e geniale. La statuetta a Patrice Arquette è tra le poche cose scontate di questi Oscar2015.

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE: GRAND BUDAPEST HOTEL
9 Nomination e neanche un premio portato a casa? Sembra troppo strano ed è per questo che pronostichiamo la vittoria della commedia di Andersen nella categoria della miglior sceneggiatura originale. Attenzione, però, a Birdman.

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: THE IMITATION GAME
Vedi sopra… Ok, non vincerà come miglior film (gli americani non vogliono esaltare il ruolo che hanno avuto gli inglesi nella seconda guerra mondiale), ma almeno la sceneggiatura può andare!

MIGLIOR FILM STRANIERO: IDA o LEVIATHAN
Piange il cuore nel non vedere un capolavoro come quello di Virzì nella lista dei candidati. Soprattutto se il favorito è Ida, film polacco in bianco e nero e semi-muto. Leggermente meno favorito il film russo Leviathan vincitore dei Golden Globe.
P.S.  La Grande Bellezza è un altra cosa.

MIGLIOR EFFETTI SPECIALI: INTERSTELLAR
Al povero Nolan una magra consolazione…

MIGLIOR CARTONE ANIMATO: DRAGON TRAINER 2
Riuscirà il cartoon diretto da Dean DeBlois a fermare l’armata Disney che concorre con BigHero6?

MIGLIORI COSTUMI MADE IN ITALY
Giusto, questa categoria di certo non è la più importante, ma è l’unica in cui abbiamo un rappresentante italiano. La Canonero ha curato i costumi di Gran Budapest Hotel e noi tutti facciamo il tifo per lei.

Buona notte degli Oscar a tutti!

Fabio Palmiero