Il FAI (Fondo Ambiente Italiano), ha da poco reso noto il VII Censimento dei luoghi del Cuore 2014. Il risultato è straordinario, 1.600.000 voti hanno decretato vincitrice l’Italia più bella; sinergica è risultata la partecipazione di cittadini, associazioni e comitati che hanno permesso la realizzazione di quest’edizione da record. 

museo Civico Gaetano Filangieri ( NA)

Le cifre parlano chiaro, il primo luogo del cuore in classifica, è il Convento dei frati Cappuccini a Monterosso al Mare (La Spezia)  che ha totalizzato 110.341 e a seguire i primi 13 in classifica ottengono più di 20.000 segnalazioni, un numero in forte crescita rispetto al 2012. Tra le regioni più attive troviamo anche la Campania con un ottimi risultati. I siti votati sono all’incirca 1.600, tra città e provincia e ben 260 luoghi hanno ottenuto più di 1.000 voti. Napoli e Caserta detengono il primato e a seguire Salerno, Avellino e Benevento. Gli scavi di Pompei vengono però scavalcati dal Museo Civico Gaetano Filangieri, che ottiene un buonissimo risultato,  settantesimo   in questa classifica dei luoghi del Cuore. Sempre a Napoli troviamo la cattedrale (Duomo di Santa Maria Assunta) e la chiesa di San Lorenzo Maggiore; un po’ bassi in classifica considerando dato l’alto prestigio. Sono tantissimi e svariati i luoghi votati, tra musei, chiese, castelli, teatri, ruderi, siti archeologici e riserve naturali. Un 6̊ posto importante  va  al Convento Francescano a San Gennaro Vesuviano.

chiesa di Sant' Agnello
chiesa di Sant’aAgnello Maddaloni ( CE)

A Maddaloni ( CE)  abbiamo Sant’Agnello,  che otteniene il 5̊ posto. Ravello in provincia di Salerno, ottiene un 22̊ posto con la Chiesa di Santa Maria della Pomice, mentre Quadrelle, (AV), prende il posto 94̊ con il Giardino di Palazzo Pagano. Benevento si riconferma nella classifica dei luoghi del Cuore 2014 con i suoi  storici monumenti: l’arco di Traiano al 315̊, la chiesa di Santa di Sofia (già patrimonio UNESCO), il Teatro romano, la torre di Montesarchio e il Castello medievale di Airola

Ci troviamo di fronte a luoghi che spesso, affrontando un problema specifico, rispecchiano le grandi tematiche del paese in tema di tutela dei Beni Culturali, come il dissesto idrogeologico, con il crollo del muro di cinta del convento di Monterosso, vincitore del censimento; lo svuotamento e la conseguente necessità di ripensare la gestione dei grandi complessi monastici. La necessità di tutelare e valorizzare le aree archeologiche, come nel caso emblematico della Villa di Cicerone a Formia, fino ai cronici problemi di mancanza di fondi per restauri.torre di Montesarchio ( BN)

I prossimi passi porteranno, a partire da Marzo, all’apertura di una nuova e importante fase di lavoro, attraverso le Linee Guida per gli interventi, dedicate ai luoghi del Cuore, che hanno ottenuto almeno 1.000 voti. I primi tre luoghi vincitori purtroppo non toccano la Campania. Senz’altro si è rafforzata la sensibilità di quanti hanno deciso di votare per il proprio luogo del cuore, rispetto agli anni precedenti.

http://iluoghidelcuore.it/

Rossella Mercurio