Dopo le assemblee tenutesi in varie zone di Napoli, successivamente a Giugliano in Campania e poi ad Acerra, mercoledì 25, presso il centro di documentazione situato in via Magenta ad Aversa, si è svolta una nuova assemblea per promuovere l’ Appello Maggio, in vista delle elezioni regionali in Campania.

Uno dei promotori dichiara:

“È un percorso che ha voci diverse, sotto alcuni aspetti, perché è partecipato da militanti che vengono anche da esperienze diverse. Il problema è riuscire a inchiodarci su quel pacchetto di programma politico, che è quello elettorale ma non solo. Abbiamo l’intenzione di lasciare delle tracce al di là della campagna elettorale. La necessità che abbiamo oggi, è quella di fare forze: ci sono forze, che piccole o grandi si sono già avviate verso questo percorso. C’è la manifestazione del 28 Febbraio a Milano cui ha aderito anche USB, ed è una cosa molto significativa. Si cerca di dare voce alle questioni del Jobs Act e quella dell’Expo, due cose molto vicine. A Roma, invece, con la questione di Salvini si analizza un problema che non è Salvini in sé. Ma si deve attaccare un soggetto che rappresenta l’insieme di forze reazionarie e fasciste, che possono dare uno sbocco a queste indigenze che hanno i settori popolari. Le si deve intercettare anche sul piano politico-elettorale, queste cose. Ma non è risolutivo, se non le si concepisce insieme al conflitto nelle piazze.  In Campania, però, tutto questo è particolare perché racchiude il frutto di un ciclo di lotte precedenti. Insieme, molte volte i compagni riprendono la questione della Grecia, come se fosse immediatamente riproponibile in Italia. Esistono condizioni diverse, processi diversi, con un livello di impoverimento che l’Italia non ha ancora raggiunto. Però ci siamo vicini: nel momento in cui si svenderanno il patrimonio produttivo del paese, cominceranno a riattaccare le pensioni, bloccando nuovamente i contratti, si avrà un paese impoverito.”

Tra le prossime iniziative, come si può leggere sul sito per le comunicazioni, il 6 Marzo a Napoli verrà indetta una nuova assemblea pubblica, in cui si approfondirà il programma politico dell’Appello Maggio, dichiaratamente contro l’austerity, per discutere di meridionalizzazione, analizzando nello specifico le disuguaglianze instauratesi tra nord e sud d’Italia.

Alessandra Mincone