Un nuovo esempio di meritocrazia mancata si verifica nella regione Campania nell’ambito dell’assunzione dei comandati alla Regione.

Nell’ormai lontano 2009 fu indetto un concorso, una tipica e meritocratica selezione pubblica. Al tempo 71 giovani avevano superato le prime due fasi del concorso indetto dall’assemblea regionale del 2003 per 39 posti ( fascia b ) ma non sono mai riusciti ad ultimarlo svolgendo la terza ed ultima fase perchè l’intero concorso è stato annullato per un vizio di forma e, di conseguenza, i concorsisti non sono riusciti ad ottenere effettivamente un posto negli uffici della Regione Campania. A questo punto è spontaneo chiedersi chi abbia ottenuto quei lavori e la risposta è semplice: raccomandati. Collaboratori e segretari dei consiglieri regionali che, grazie ad una leggina approvata sul finire della legislatura e grazie ad amicizie nell’ambiente politico e particolari appoggi, sono subentrati negli uffici della Regione togliendo ai partecipanti del concorso ciò che gli spettava. Ed ora, visto che mancano pochi mesi alla scadenza elettorale, nel Consiglio Regionale della Campania c’è l’intento di stabilizzare gli attuali comandati, mettendo nuovamente da parte la meritocrazia.

I vecchi vincitori del concorso e tutti quelli che ambiscono a questa carriera non ci stanno più. In un’intervista a RETENEWS24 Isabella Delle Santi ( che aveva partecipato al concorso del 2009 e che non ha mai ottenuto il posto di lavoro ) racconta delle sue peripezie, tra ricorsi e denunce, portando giustamente avanti il suo bisogno di far giustizia; non è difficile immaginare quanto possa essere grande la delusione e l’abbattimento di queste persone che, dopo essersi impegnate tanto ed aver raggiunto un traguardo, avevano visto sparire sotto il proprio naso la possibilità di ottenere onestamente un lavoro.

L’appello al governatore Stefano Caldoro è chiaro: non mortificare più il merito in Campania. 

Daniela Diodato

ipezie, tra ricorsi e denunce, portando giustamente avanti il suo bisogno di far giustizia; non è difficile immaginare quanto possa essere grande la delusione e l’abbattimento di queste persone che, dopo essersi impegnate tanto ed aver raggiunto un traguardo, avevano visto sparire sotto il proprio naso la possibilità di ottenere onestamente un lavoro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUragano LeBron si abbatte sui Warriors
Articolo successivoScarti agricoli: un’occasione per le aziende
Daniela Diodato, nata nel 1996, vive a Napoli, diplomata al liceo linguistico G.B. Vico, frequenta il corso di studi di Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II. Ha una passione per le lingue, le culture straniere ed i viaggi, costantemente alla ricerca di nuove persone e posti da conoscere. È interessata ad eventi culturali, musica ed arte ma anche scuola ed universitá, che la riguardano molto da vicino.