<<Non riscontrando interlocutori politici all’altezza delle nostre proposte, sentiamo la necessità di candidarci a rappresentarle in prima persona>>, dice Angelo Ferrillo, il fondatore della storica associazione di lotta contro l’illegalità nella terra dei fuochi.

Dopo lo strappo con il Movimento cinque stelle per presunti dubbi avuti nei riguardi delle procedure on line adottate per le “regionalie”, Ferrillo sta presentando in queste ore, presso l’Auditorium dell’Associazione Libera Italiana di Villaricca, il suo nuovo progetto politico.

Si tratta di una nuova forza politica, giovane e innovativa, in corsa per la Regione ma rivolto in particolare ai settanta Comuni campani che, da qui a poco, andranno alle amministrative per scegliere i Sindaci. Il nuovo partito ha un’espressione del tutto nuova, poiché nasce dal basso e abbraccia comitati civici e associazioni, oltre ad essere aperto ad altre serie personalità che hanno voglia di un buon governo e di un corretto percorso politico. L’interesse principale, dunque, sembrerebbe quello di rispondere concretamente alle attese di un elettorato ormai stanco e sfiduciato, partendo dalla popolazione martoriata e demoralizzata della Terra dei Fuochi.

A breve anche un portale per il Ferrillo, www.movimentoterradeifuochi.it, per scaricare programmi e adesioni. Intanto le Regioni che andranno al voto saranno sette: Veneto, Liguria, Toscana, Umbria, Marche, Campania e Puglia. E proprio la Campania rappresenta, insieme al Veneto, un bocconcino appetitoso da riconvertire al centrosinistra. Ma nel Veneto corrono i dem con Alessandra Moretti e la lega nord di Matteo Salvini sembra spaccata in due tra il sindaco di Verona e il già Presidente regionale Zaia.

In Campania, invece, Stefano Caldoro fa sapere di essere pronto a lavorare per un secondo mandato, a cui la De Girolamo risponde lieta che solo uniti si può vincere. Un’alleanza NCD-Forza Italia per il centrodestra, insomma, mentre Gennaro Migliore si ritira dalle primarie del Partito Democratico, lasciando concorrere da soli Andrea Cozzolino, Vincenzo De Luca e Marco di Lello. Intanto, i cinque stelle, con la candidata Valeria Ciarambino, si autodefiniscono “unica forza trasparente per governare la Campania”. Un po’ di proposte di candidati, dunque, e Matteo Renzi fa sapere che presumibilmente la data del voto è stabilita per il 10 maggio prossimo, unica possibile se si considerano le festività del 25 aprile e del 1 maggio. Forse di buon auspicio tenere conto delle festività della Liberazione e della Festa dei Lavoratori?

Anna Lisa Lo Sapio

CONDIVIDI
Articolo precedenteCASALNUOVO, UDS: “Minacce a chi protesta, noi non ci fermiamo!”
Articolo successivo“Tracce di cultura”: evento “Diciassette e trenta” al teatro Diana

Nata in provincia di Napoli, 11/06/1983. E’ Laureata in Scienze Politiche. Inizialmente, ha lavorato nell’area commerciale di alcune aziende ma ha presto capito che la sua strada non poteva avere a che fare solo con l’aspetto economico della vita. Amante della storia e appassionata dei segreti di Stato, ha realizzato studi e ricerche sulla società italiana durante gli anni di piombo e sui motivi che spingono l’uomo a commettere stragi e ribellioni contro altri uomini. Di se stessa dice : “Meglio vivere una verità difficile che una bugia comoda”.
Vive a Edimburgo.
Per scriverle: losapio.annalisa@libero.it