Mancano poco più di una dozzina di giornate al termine della Serie A TIM 2014/2015 e la lotta verso le posizioni ambite si fa sempre più delicata. Questo weekend non pochi i big match che potrebbero cambiare in maniera decisiva l’andazzo del campionato corrente; è un match ball.

Caos Parma

Partiamo dalle notizie fuori dal campo: Genoa-Parma rinviata a data da destinarsi, con la scelta della FIGC di rinviare nuovamente un match del Parma, dopo quello di domenica scorsa. Viste le condizioni della società emiliana e dello scarso morale dei giocatori (che volevano scioperare, causando un 3-0 a tavolino agli avversari) il presidente della Lega Italiana, Tavecchio, ha scelto di accontentare i calciatori crociati rinviando il match.

Ultimatum Milan, occhio a Lazio e Sampdoria

Per i rossoneri la trasferta a Verona contro il Chievo rappresenta un’altra chance per rilanciarsi, dopo la vittoria interna col Cesena, che ha visto tornare al goal Giampaolo Pazzini. Può e deve approfittare di una giornata ricca di sfide ostiche la Sampdoria, che non vince da più di un mese e mezzo, e va a Bergamo dove affronterà un’Atalanta a caccia disperata di punti salvezza. Per la Lazio altra trasferta difficile, Di Francesco con il suo Sassuolo cercherà di cancellare l’ultima sconfitta interna contro la Fiorentina. Proprio la Viola, in gran forma, ospite a San Siro dell’Inter, per una sfida tra le due più in forma del nostro campionato, entrambe reduci dalla “manITA” di Europa League. Per la squadra di Montella esame importante sul campo di Mancini che grazie a Gaurin, Shaqiri ed Icardi (dovrebbero partire tutti e 3 dal 1′) sta risalendo la classifica, con 4 vittorie nelle ultime 5 gare tra Italia e Coppe.

Lotta al vertice: Roma, Juve e Napoli

Sempre di Domenica, sempre reduci dall’Europa, ecco Torino-Napoli. La prima ha espugnato il San Mames di Bilbao (prima italiana nella storia), la seconda, invece, ha eliminato il Trabzonspor. Come nella sfida precedenti, un match tra due squadre in ottima forma. I partenopei hanno vinto 4 delle ultime 5 partite di Campionato (portandosi a soli 3 lunghezze dalla Roma al secondo posto), ma il Toro è reduce da 8 risultati utili consecutivi tra Campionato e Coppe, non perde in Serie A dal derby di fine Novembre contro la Juventus.

Infine, ma non per importanza, lo scontro-scudetto. All’Olimpico di Roma la sfida tra i giallorossi di Garcia e la capolista Juventus. Alla vigilia del campionato, nessuno si sarebbe aspettato così tanti punti di distacco (9, gli stessi dello scorso anno di questi tempi) ma la sfida ha pur sempre il suo fascino. La Juve è reduce dalla vittoria di Champions (2-1) contro il Borussia Dortmund, ma dovrà fare a meno di Pirlo e forse anche di Pogba. La Roma, dopo aver ammulotilo gli olandesi del Feyennord in Europa League, ha un’ultima chance per sperare in una rimonta che avrebbe del clamoroso, d’altra parte, Garcia ha affermato che la Roma ha come compito principale la difesa del 2° posto, infatti, il Napoli non è poi così distante. E dopo lunedì sera potrebbe anche avvicinarsi.

Raffaele Cianni