NAPOLI – Alle elezioni per il rinnovo delle Rsu comunali buoni risultati dei sindacati confederali, ma c’è da registrare l’exploit del Diccap.

DICCAP – Il sindacato autonomo ottiene il primo piazzamento con ben 2.072 voti, passando dal 3,11% di 3 anni fa al 27,79%.

I CONFEDERALI – I sindacati confederali tengono botta. Cgil, Cisl e Uil, insieme raggiungono 4.272 voti con 46 seggi. Nello specifico, la Cgil si piazza seconda con 1818 voti (19 delegati), terza la Uil 1.231 voti (13 delegati), quarta la Cisl 1.223 voti (13 delegati) . Seguono Confsal 83 voti (1 delegato), Csa 316 voti (4 delegati), Lipol 26 voti (1 delegato), Ugl 72 voti (1 delegato), Usb 113 voti (2 delegati), Sila 188 voti (2 delegati) .
”Nonostante le difficoltà – commenta Salvatore Massimo, segretario generale Cgil Fpsiamo molto soddisfatti per la grande affluenza alle urne e per la vittoria del sindacato confederale  che ha doppiato i voti del Diccap, a dispetto di quanto annunciato dai suoi dirigenti”.
”Al comune di Napoli – dichiarano i vertici della Uil Campania – abbiamo avuto una grande affermazione del sindacato confederale. Nonostante si sia costruito di tutto per inficiare i valori e la storia del sindacato confederale, costruendo la Diccap”.
Risultati positivi anche per la Cisl. ‘‘Siamo ancora il punto di riferimento sindacale per i lavoratori della funzione pubblica di Napoli e provincia”– afferma il Segretario dell’area Metropolitana, Salvatore Altieri.

Redazione