KAZAKISTAN – Non va oltre gli ottavi il cammino dell’Italia nella Coppa Davis, la più importante competizione a squadre del tennis. Dopo la sconfitta dell’Italia femminile alla Fed Cup contro la Francia, stavolta è toccato a Fognini & Co. esser rimontati malamente, uscendo a sorpresa dalla competizione.

Erano le ore 12 in Kazakistan quando tutto è cominicato, le 7 nell’orario italiano. Il primo match si è disputato tra Kukushkin e Simone Bolelli, con quest’ultimo che ha avuto la peggio. 7-6 6-1 6-2 il risultato del primo punto dei Kazaki che senza troppa fatica si portano sull’1-0 nella serie, Bolelli in gara solo nel set di apertura. Ma gli italiani riacciuffano subito l’equilibrio nel match successivo quando Seppi sconfigge Golubev. 6-3 6-3 6-7 6-2 il finale di un testa a testa equilibrato e combattuto, ma che ha visto Andreas trionfare meritatamente dopo quasi 3 ore di gioco.

E’ dunque parità, è dunque croce-via sul doppio: la coppia vincitrice degli Australian Open Bolelli-Fognini contro Golubev-Nedovyesov. Probabilmente il match più spettacolare della serie: trionfa alla fine la coppia italiana col risultato di 7-6 6-3 6-7 6-4, anche se l’Italia ha sprecato molto in un terzo set che poteva decisamente accorciare la durata della sfida.

Match ball Italia al 4° match, la serie dice 2-1 per gli italiani e basterebbe una vittoria, ma.. Seppi cade sotto i colpi di un ispiratissimo Kukushkin che dopo aver battuto Bolelli fa il bis. 7-6 6-0 6-4 tutto a favore dei padroni di casa, con tanto di secondo set imbarazzante per il tennista italiano. La serie dunque torna in pari.

La sfida decisiva: il miglior singolo italiano Fognini contro la scelta a sorpresa del Kazakistan chiamata Nedovyesov. Sfida piena di colpi di scena e cambiamenti di fronte, al termine il 7-6 3-6 4-6 6-4 7-5 a favore dei Kazaki manda fuori l’Italia dalla Coppa Davis 2015.

Eliminazione dolorosa e soprattutto inaspettata per un’Italia che, sulla carta, era nettamente favorita e che non è riuscita ad imporsi nè sul doppio nè contro un Kukushkin apparso in gran forma. Risultato invece inaspettato e glorioso per la nazionale kazaka, per la prima volta ai quarti della Coppa Davis.

Fonte immagine in evidenza: google.it

Raffaele Cianni