Raif Badawi è un blogger , che nelle pagine del suo sito web Free Saudi Liberals raccontava le contraddizioni del suo paese d’origine, l’Arabia Saudita, da una parte alleata degli USA e dall’altra severa nei confronti degli oppositori interni. Ed è per questo che all’età di 30 anni è stato arrestato il 17 giugno 2012 e detenuto nel carcere di Gedda. La sua condanna iniziale era di 7 anni di carcere e 600 frustate, ma col tempo si è inasprita e ora deve scontare 10 anni di cella, una multa di un milione di rial (200 mila euro) e 1000 frustate. Nonostante Badawi sia stato scagionato due anni fa, il timore dei familiari è che venga ucciso dato che per l’apostasia, in Arabia, vige la pena di morte.

E’ da tempo che l’associazione Amnesty International si sta occupando della questione e proprio ieri si è recata per la nona volta all’Ambasciata di Roma per chiedere pietà al Governo arabo sul caso di Raif e di altri 11 prigionieri di coscienza, rei di aver offeso l’islam. Il 5 marzo, un gruppo di giovani di Amnesty International ha organizzato presso l’IISS Stenio di Termini una seduta a favore della liberazione di Badawi.

Nonostante le critiche e gli appelli delle comunità internazionali il Governo arabo non sembra intenzionato a porre fine alla questione. Queste le parole del ministro degli esteri: ‘‘L’Occidente attacca la nostra sovranità con la scusa dei diritti umani’‘. Si può leggere in una recente nota: L’Arabia Saudita disapprova fortemente ciò che è uscito sui giornali a proposito del cittadino Badawi e della sentenza che ha ricevuto. Il nostro regno è uno dei primi Stati a promuovere e a supportare i diritti umani. Nonostante il nostro impegno in questo senso sia più che ovvio, alcuni media hanno, sfortunatamente, svuotato i diritti umani del loro sublime significato. E hanno abusato e politicizzato questi diritti per favorire le aggressioni contro il diritto degli Stati alla sovranità. L’Arabia Saudita non permetterà certamente che una cosa del genere accada”.

Nonostante le petizioni di giornalisti e attivisti, l’Arabia Saudita che, incredibile paradosso siede nel Consiglio dell’ONU, non sembrerebbe intenzionata a rilasciare i 12 prigionieri. Può una persona, in un Paese che si considera promotore dei diritti umani, rischiare la morte nell’omertà generale per aver espresso le sue opinioni?

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.