Si chiamerà “coalizione sociale” e potrebbe rappresentare l’alternativa alla sinistra italiana alle prossime elezioni. Proprio oggi, nella sede della FIOM nazionale, si terrà una riunione che escluderà partiti e rappresentanti politici – per evitare che si confonda con formazioni già esistenti- e includerà, invece, associazioni aventi come finalità un intervento sociale e non politico: Legambiente, Emergency, l’Arci, Libertà e Giustizia, reti di precari, studenti, il gruppo Abele, Libera, Articolo 21 e tante altre.

«Dovremmo trovare il modo di dare forma e forza ad un progetto innovativo, individuando punti di programma condivisi (…). Queste poche righe per invitarti\vi a incontrarci», alle 10, in corso Trieste a Roma. Sindacalisti assieme ad «associazioni, reti, movimenti e “personalità”», firmata da Maurizio Landini. Questa la lettera di invito all’incontro tra i protagonisti di quello che sarà un vero e proprio progetto politico.
Proprio dal segretario nazionale della FIOM, dunque, è partita l’idea di un’associazione delle associazioni, un rimedio alla “sinistra” del Partito Democratico creandone una nuova e talmente ampia da poter aspirare ad essere l’alternativa a Matteo Renzi.

“Dovremmo trovare il modo di dare forma e forza ad un progetto innovativo, individuando punti di programma condivisi. Queste poche righe per invitarti\vi a incontrarci. Nelle scorse settimane abbiamo ragionato sulla necessità di un momento assembleare per dibattere in modo libero e aperto l’ipotesi di costruire una coalizione sociale”, ha scritto Landini nella lettera di convocazione e poi ha aggiunto: “Ho avuto la fortuna di potermi confrontare con molti di voi di condividere sin da subito l’idea che il tentativo di costruire una coalizione sociale muove da una certezza: la politica non è proprietà privata”.

Quale sarà il programma della coalizione promossa da Landini?
Di sicuro un punto cardine sarà il Jobs Act e l’abolizione dell’art.18. Il fine è quello di costituire un nuovo statuto dei lavoratori, stare dalle parte di quest’ultimi e riconoscere loro tutte le tutele necessarie.
Ma ciò che va evidenziato è che Landini non vorrà tenere esclusivamente una lotta anti-Renzi, visto che tra i suoi bersagli vi è l’Unione Europea. Egli scrive: “Le politiche della Commissione e della troika anche in Italia stanno mettendo in discussione la democrazia, il lavoro e i suoi diritti, l’istruzione e la formazione, la salute, i beni comuni e la cultura, la giustizia”, e aggiunge che è necessario “coalizzarsi insieme per una domanda di giustizia sociale sempre più inascoltata e senza rappresentanza. La coalizione sociale dovrà essere indipendente e autonoma: significa che per camminare dovrà potersi reggere sulle proprie gambe e pensare collettivamente con la propria testa”.

Andrea Palumbo

CONDIVIDI
Articolo precedenteRenzi a Sharm El Sheikh: lotta all’Isis e cooperazione economica
Articolo successivoRottura nella Lega: Tosi si candida contro Zaia!

Andrea Palumbo nasce in un piccolo paese dell’Alto Casertano. Laurea triennale in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II di Napoli. Attualmente studia Comunicazione Pubblica e Politica presso l’Università di Torino. A parte lo scrivere, ama la fotografia e il cibo in compagnia.