NAPOLI – La nomina di Raffaele Cantone a commissario per la bonifica dell’area di Bagnoli, attesa nei giorni scorsi, non c’è stata. Allo stato attuale, persistono infatti ancora dubbi su quello che dovrebbe essere l’effettivo ruolo del commissario. Complicato è infatti immaginare il magistrato campano rivestire contemporaneamente sia il ruolo di controllato che di controllore. Tuttavia, Il presidente dell’Authority anticorruzione, Cantone, ha già ampiamente confermato la sua disponibilità ad assumere l’incarico di commissario di governo per la bonifica di Bagnoli ma precisa di non essere un manager e di pensare «ad un ruolo di controllo ma non di gestione».

rai2
La protesta del Laboratorio Politico Iskra di venerdì 13 Marzo, fuori la sede Rai di Napoli.

La fase di stallo a seguito della mancata nomina del commissario permette di riaprire il dialogo tra comune e governo. La giunta comunale infatti, lunedì 16 Marzo presenterà in Consiglio un piano di riqualificazione a cura dell’Assessore Carmine Piscopo che ha già riscosso pareri favorevoli da alcuni consiglieri.
All’esterno del palazzo di via Verdi avrà luogo la protesta dei comitati https://www.facebook.com/events/1623549904532536/, i quali venerdì scorso si sono recati all’esterno della sede Rai di Napoli per ribadire, ancora una volta, la loro contrarietà allo Sblocca Italia.
”Il 16 Marzo – dichiarano gli attivisti del Laboratorio Politico Iskraandremo al consiglio comunale e ribadiremo il netto no al commissariamento e allo Sblocca Italia, rilanciando le proposte sulla bonifica e sul lavoro che da anni proponiamo per Bagnoli. La battaglia sull’area flegrea – prosegue Iskra – non è un terreno per la guerra istituzionale tra comune, governo e gli altri attori che fanno solo gli interessi dei privati e di chi vuole speculare sull’area ex Italsider, non saremo la testa d’ariete di chi utilizza la battaglia su Bagnoli per fini speculativi o per rifarsi una faccia in prospettiva elettorale. Chi vuole che la vicenda di questo territorio saccheggiato e martoriato da vent’anni di malaffare prenda una direzione diversa, si schieri apertamente con le realtà territoriali che da anni lottano in questo territorio – concludono.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteLibere idee: intervista a Laura Schiavini
Articolo successivoGrumo Nevano, i Cattolici Democratici inaugurano la sede
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II