Il culto partenopeo dei defunti e la squisitezza delle zeppole di San Giuseppe vi attenderanno il 20 Marzo 2015 alla Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco.

La “bontà” di San Giuseppe. Dalla buona morte alle dolci zeppole è l’evento che si terrà dalle ore 19:00 alle 23:00.

IMG_0267La Chiesa, che si erige nel Decumano Maggiore, oltre ad essere una delle strutture più conosciute di Napoli, è un simbolo per la città. Molte famiglie nobili contribuirono alla sua costruzione. Il sacrario fu ultimato nel 1638. La Chiesa è “del purgatorio” poiché le persone che avevano contribuito alla realizzazione, potevano utilizzarla come sepolcro personale rendendo più semplice il soggiorno al Purgatorio.

La visita dell’ipogeo vi porterà alla scoperta delle antiche tradizioni napoletane: il culto delle “anime pezzentelle”. Ciò che vedrete saranno i numerosi teschi “adottati” dalle persone comuni. Sarete rapiti dalla storia di Lucia, il teschio con il velo da sposa sul capo a cui fanno riferimento molte donne in cerca d’amore scrivendole delle lettere.

IMG_0320Dunque, il napoletano ha creato un luogo come mezzo di comunicazione tra il mondo dei morti e quello dei vivi. Ancora oggi c’è chi segue questa tradizione dando al teschio un nome, un ruolo o una storia. Si adotta l’anima pezzentella costruendole un riparo come una cassetta o uno scatolo, a seconda delle possibilità dell’adottante. Si prega l’anima per alleviare le sue sofferenze in purgatorio in cambio di una grazia.

d19503804e28dadb46e2ec40ee7f838fInsomma, La “bontà” di San Giuseppe. Dalla buona morte alle dolci zeppole vi permetterà di addentrarvi in questo percorso spirituale attraverso i monumenti e gli antri più nascosti dell’antica Partenope lasciandovi un po’ perplessi ma allo stesso tempo saprà coccolarvi con le zeppole di San Giuseppe, di cui la prima ricetta scritta risale al 1837 nel trattato di cucina napoletana di Ippolito Cavalcanti.

http://www.purgatorioadarco.it/

 

Ilaria Cozzolino

CONDIVIDI
Articolo precedente1° comandamento: taglio 500 mila dipendenti pubblici
Articolo successivoEcco i tedeschi che amano Tsipras: Blockupy manifesta contro la Bce
Ilaria Cozzolino nasce a Napoli il 24 novembre 1993. Dopo aver conseguito il diploma al Liceo Linguistico, continua il suo percorso di studi all'Accademia di Belle Arti di Napoli al corso di Fotografia-Cinema-Televisione. Dall'età di 21 anni espone come artista presso la galleria di arte contemporanea "A01" di Napoli. Da marzo 2015 collabora come caporedattrice per Libero Pensiero News.