Il 21 Marzo di ogni anno, Libera promuove la giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Il presidio Afragola – Casoria di Libera organizza per il 20 Marzo un’anticipazione alla giornata nazionale che si terrà il giorno seguente a Bologna. Ci saranno riflessioni sul tema, musica e la commemorazione delle oltre 900 vittime innocenti.

Ma cosa fa Libera? Libera è un coordinamento di oltre 1600 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità, creare memoria e impegno, promuovere e difendere la democrazia da tutte le mafie.

Libera nasce il 25 marzo 1995 con l’intento di sensibilizzare la società civile nella lotta alle mafie, promuovendo legalità e giustizia. La legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’educazione alla legalità democratica, l’impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, l’attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera.

Riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale, dal 2008 è inserita dall’Eurispes tra le eccellenze italiane. Nel 2012 è stata una delle cento migliori Ong nel mondo dell’universo del no-profit. Dal 1996, dunque, ogni primo giorno di primavera si celebra la Giornata della Memoria, simbolo della speranza che si rinnova,un’ occasione buona di incontro con i familiari delle vittime che in Libera hanno trovato la forza di lottare, elaborando un lutto e una ricerca di giustizia vera e profonda, trasformando il dolore in uno strumento concreto, non violento, ma di impegno e di azione di pace.

Libera ha bisogno della partecipazione di tutti perché è con la volontà, la determinazione e la forza che si possono vincere certe battaglie contro il dilagare della criminalità organizzata e della corruzione, alle quali si può solo rispondere con giustizia, legittimità e partecipazione. L’appuntamento è per venerdì 20, ore 18:00 in Piazza Cirillo, a Casoria. L’invito è aperto a tutti e a quanti vogliono unirsi per dimostrare solidarietà e impegno contro il malaffare.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiornate FAI di primavera, doppio weekend in Campania
Articolo successivoParma: arrestato il presidente Manenti

Nata in provincia di Napoli, 11/06/1983. E’ Laureata in Scienze Politiche. Inizialmente, ha lavorato nell’area commerciale di alcune aziende ma ha presto capito che la sua strada non poteva avere a che fare solo con l’aspetto economico della vita. Amante della storia e appassionata dei segreti di Stato, ha realizzato studi e ricerche sulla società italiana durante gli anni di piombo e sui motivi che spingono l’uomo a commettere stragi e ribellioni contro altri uomini. Di se stessa dice : “Meglio vivere una verità difficile che una bugia comoda”.
Vive a Edimburgo.
Per scriverle: losapio.annalisa@libero.it