PIAZZOLLA DI NOLA – Probabilmente una donna all’origine del gesto che ha scatenato l’inferno a Piazzolla di Nola, una frazione tra Nola e Somma Vesuviana.

Sistemati nelle cassette postali, i volantini delle “attività puttanatorie” del paese sono forse opera di una donna offesa pubblicamente oppure di un gruppo di giovani che, stanchi della monotonia, hanno deciso di divertirsi un po’ e guardare l’effetto che può fare un elenco di persone accusate di tradire i propri partner.
I nomi di 35 persone, tra i quali consiglieri comunali, commercianti, mogli, mariti, cugini, segretarie, parrucchieri e altri professionisti conosciuti nella zona, sono stati accusati di tradimento e associati a tresche e incontri sessuali, tanto da scatenare nel paese una specie di putiferio.

Piazzolla di NolaCosì, il proprietario di un bar si farebbe allegre serate in compagnia dei trans, e giustamente la moglie andrebbe a cercare compagnia altrove. La proprietaria di un noto negozio invece andrebbe un po’ con tutti, mentre la moglie di un commerciante avrebbe una storia col cognato. Un’altra signorina non riuscirebbe a fare stare tranquilli neppure i mariti delle cugine, non avendo ancora un fidanzato. E poi, c’è chi va con la vecchia fiamma, chi con la commessa di una profumeria, chi con la collega d’ospedale. Oppure, chi andrebbe con un ispettore delle assicurazioni e chi addirittura con mezzo paese. Chi avrebbe “le corna” da una vita e chi contemporaneamente spazierebbe tra un macellaio e il proprietario di una lavanderia.

L’autrice o gli autori del volantino annunciano di voler andare oltre, trattandosi solo della “parte sud di Piazzolla di Nola”. I protagonisti della vicenda hanno sporto denuncia ai Carabinieri per diffamazione, ma si attende la seconda parte dell’elenco, quella dei residenti al nord, come gli stessi autori hanno annunciato: che si tratti di realtà o di uno scherzo di pessimo gusto, l’intero Comune è stato travolto da questa iniziativa anonima precipitando nel subbuglio e nella confusione.

Anna Lisa Lo Sapio

Fonte immagine in evidenza: ilroma.net

CONDIVIDI
Articolo precedenteJoanne Harris, Il ragazzo con gli occhi blu
Articolo successivoAttentato di Tunisi: ferma condanna della Fondazione Valenzi
Nata in provincia di Napoli, 11/06/1983. E' Laureata in Scienze Politiche. Inizialmente, ha lavorato nell'area commerciale di alcune aziende ma ha presto capito che la sua strada non poteva avere a che fare solo con l'aspetto economico della vita. Amante della storia e appassionata dei segreti di Stato, ha realizzato studi e ricerche sulla società italiana durante gli anni di piombo e sui motivi che spingono l'uomo a commettere stragi e ribellioni contro altri uomini. Di se stessa dice : "Meglio vivere una verità difficile che una bugia comoda". Vive a Edimburgo. Per scriverle: losapio.annalisa@libero.it