La primavera finalmente è arrivata. È il momento in cui la natura si risveglia in tutto il suo splendore, ogni cosa si rinnova e torna a nuova vita, dopo mesi di letargo. La primavera è quella stagione felice che fa esplodere in noi la voglia di vivere. Proprio per il suo splendore, alla primavera si sono ispirati molti artisti, scrittori e compositori, come non citare la “Primavera” , uno dei movimenti delle Quattro stagioni di Vivaldi. Sono molti, dunque, nella pittura e non solo , gli artisti che la celebrarono e tra loro Sandro Botticelli,  l’Arcimboldo, gli Impressionisti… e altri ancora. Ammiriamo insieme alcune delle più belle e celebri rappresentazioni della primavera nell’arte.

Sandro BotticelliSandro Botticelli: “La Primavera”, è quasi d’obbligo citare per prima quest’opera, che il senso stesso lo reca a partire dal titolo. Il dipinto fu realizzato nel 1482 e oggi è conservato agli Uffizi di Firenze. La stagione qui è elegantemente rappresentata attraverso la sua forza rigogliosa, tipo l’albero carico di frutti e tutti i  colori cangianti di vita. Il quadro, inoltre, nasconde anche un profondo senso filosofico come altre opere dell’artista.

Van GoghVincent Van Gogh: “Ramo di mandorlo in fiore”, realizzato nel 1890. Il quadro è essenziale e come protagonista vi è la rappresentazione della natura, attraverso questo ramo di mandorlo fiorito dai petali bianchi, che si stagliano su un nitido cielo azzurro. Come simbolo di vita l’artista scelse i rami di questo albero, uno dei primi a fiorire agli inizi di questa stagione. È ancora più sorprendente ammirare quest’opera che va oltre il “solito” Van Gogh.

Claude MonetClaude Monet: “Donne in giardino”, realizzato da Monet 1867,  ora si trova a Parigi al Musée d’Orsay: Interpreta una giornata primaverile con grande vivacità e mirabile brillantezza cromatica. I toni dominanti sono il bianco degli abiti vaporosi delle donne, investiti dalla luce solare e il verde della natura. La siepe fiorita di fiori bianchi collega le figure luminose intorno all’albero centrale.

Giuseppe ArcimboldoGiuseppe Arcimboldo: “Primavera”,  l’artista meglio noto , come colui che dipinge con frutti e fiori. La Primavera è una donna composta da una grande varietà di fiori ed è  posta di profilo verso sinistra. La figura prende vita a partire da una composizione floreale, la pelle del viso e le labbra sono petali  di rosa, boccioli e corolle mentre i capelli sono ottenuti  da un bouquet variopinto e rigoglioso. Una collana di margherite orna il collo, mentre il corpo è coperto da una vasta selva di foglie di varia grandezza. La vera protagonista qui è la natura, che in primavera esplode.

Eduard ManetEduard  Manet: “Colazione sull’erba”, un dipinto ad olio realizzato tra il 1862 ed il 1863, conservato al Musée d’Orsay di Parigi. Dove la placida serenità dei protagonisti infonde tranquillità e spensieratezza; un perfetto pomeriggio all’aria aperta.

Georges SeuratGeorges Seraut: “Un dimanche après-midi à l’Île de la Grande Jatte” o semplicemente La Grande Jatte, è un’opera realizzata tra il 1884 ed il 1886 . Il quadro è tra le opere più note del movimento pittorico del pointillism francese. Una particolare tecnica pittorica, in pratica, vede l’uso di puntini che conferiscono un’inconsueta morbidezza alle figure, le quali appaiono immerse in un’atmosfera di rarefatta luminosità. Una bella giornata di sole dove l’affollamento delle persone sul prato, denota la voglia di uscire di casa per godere della prima aria buona.

www.cultorweb.com

www.settemuse.it

www.incredibleart.org

Rossella Mercurio