Il Ddl scuola partirà lunedì 30 Marzo. Secondo quanto raccolto in esclusiva da Libero Pensiero News, il disegno di legge inizierà il suo cammino già la prossima settimana con le audizioni dei sindacati e delle associazioni interessate.

Successivamente, nei giorni 8, 9 e 10 aprile ci sarà poi la discussione generale in Commissione con relativa presentazione degli emendamenti.

Sulla tempistica, se tutto andrà per il verso giusto il provvedimento approvato dalla Camera potrebbe arrivare al Senato nei primissimi giorni di Maggio.
Ma è probabile che il Senato vorrà dire la sua e quindi c’è da aspettarsi anche qualche ulteriore modifica.
Oggi si dovrebbe decidere anche a chi affidare l’incarico di relatore di maggioranza in Commissione Cultura, ma è molto probabile che sarà designata Maria Coscia, già capogruppo PD in Commissione.

Intanto, dopo anni, per la prima volta sindacati uniti contro la Buona Scuola. ”I prof precari non verranno assunti” – sentenziano i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Gilda, Snals Confsal, riuniti ieri in presidio davanti Montecitorio .
Secondo Domenico Pantaleo, segretario nazionale Flc-Cgil, il 18 Aprile ci sarà una nuova mobilitazione contro il decreto.

“I sindacati sono uniti, hanno spiegato annunciando “mobilitazioni nei territori” e una grande manifestazione che si terrà nella Capitale il prossimo 18 aprile. “E’ stata dimostrata una disponibilità a discutere – ha detto il segretario della Flc Cgil, Domenico Pantaleo – ma servono tempi più distesi per l’approvazione del provvedimento. Fare in fretta e furia a noi non ci convince. La consultazione pubblica è stata una bufala e il ddl non corrisponde a quello che era il Piano de ‘La Buona Scuola’, per esempio per quanto riguarda i poteri dei dirigenti scolastici”.
Tra le richieste delle 5 sigle sindacali ci sono innanzitutto il rinnovo del contratto nazionale degli insegnanti, bloccato da 7 anni, e la stabilizzazione di tutti i precari, compresi quelli con 36 mesi di servizio che non sono nelle Gae. Inoltre, hanno spiegato, “riteniamo inaccettabile affidare al dirigente scolastico la chiamata diretta dei docenti e l’attribuzione del salario accessorio legato alla premialità”.

Pasquale De Laurentis

@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteDestro no, Doumbia neanche: Milan e Roma ritornano sui propri passi
Articolo successivoPatto camorra – imprese – politica, in manette due ex sindaci
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II